Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
sei in: Gli Uffici > Guida ai Servizi > Assistenza sociale > Emergenza Coronavirus: Buoni Spesa > Buoni Spesa: domande e risposte
salta i contenuti principali a vai al menu

Buoni Spesa: domande e risposte

Posso ancora presentare la domanda per la richiesta dei buoni spesa? 

Si, l’acquisizione delle domande è ancora in corso. Le richieste per i buoni spesa possono essere fatte sino al 24 aprile 2020.
 

Provo a contattare i numeri telefonici preposti alla ricezione delle domande ma non rispondono o non trovo libera la linea. Cosa posso fare?

I numeri telefonici attivi sono sei:
  1. numero 0532/799505
  2. numero 0532/799515
  3. numero 0532/799511
  4. numero 0532/799504
  5. numero 0532/799730
  6. numero 0532/799590
Visto l’alto numero di telefonate, è possibile che occorra un po’ di pazienza prima di prendere la linea. In caso di problemi, vi invitiamo ad aspettare qualche minuto e poi riprovare.
 

Come saprò se la mia domanda è stata accolta? 

E’ in corso la valutazione dei requisiti dei richiedenti; i buoni spesa sono attualmente in fase di distribuzione. Per le richieste dubbie, che riportano errori di compilazione o per le quali sia necessario un chiarimento rispetto ai dati forniti agli operatori telefonici è previsto che i Servizi Sociali del Comune chiamino telefonicamente il richiedente per risolvere, seduta stante, eventuali dubbi. Coloro le cui domande sono state accolte e valutate positivamente riceveranno i buoni spesa direttamente presso il proprio domicilio.
 

Come entrerò in possesso dei buoni spesa?

I buoni spesa cartacei sono consegnati a domicilio. Il Kit di consegna contiene i buoni spesa assegnati, la lista degli esercenti presso cui sono spendibili, la ricevuta di avvenuta consegna che andrà debitamente firmata dal beneficiario e restituita all’operatore.
 

Se la mia richiesta non viene accolta, mi viene comunicato l’esito e il perché la richiesta è ritenuta non accoglibile?  

Coloro che hanno presentato richiesta il cui esito è stato valutato negativamente non riceveranno i buoni spesa presso il proprio domicilio. Non è prevista alcuna comunicazione ulteriore.
 

Posso andare a ritirare i buoni spesa presso il Comune o altra struttura  dell’Amministrazione comunale?

No.
 

Sono un cittadino straniero, posso presentare la domanda?

Sì, purché in possesso di permesso di soggiorno di lungo periodo (ex carta di soggiorno) e residente anagraficamente a Ferrara. L’Associazione degli Studi Giuridici sull’Immigrazione ha presentato un ricorso d’urgenza al Tribunale di Ferrara perché ritiene che il requisito per gli stranieri extra UE del permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo sia un requisito “discriminatorio”, chiedendo che destinatari dei buoni spesa siano tutti gli stranieri extra UE. Il Tribunale di Ferrara deciderà sul punto il 23 aprile.
 

Dove possono essere spesi i buoni spesa?

In uno o più negozi riportati nella lista degli esercenti inserita nel kit consegnato insieme ai buoni cartacei in distribuzione in questi giorni e riportato nel sito del Comune. L’elenco dei negozi viene costantemente aggiornato. Si ricorda che nel rispetto delle regole per la prevenzione del contagio, è doveroso recarsi innanzitutto nei negozi più vicini alla propria abitazione.
 

I buoni spesa sono nominativi?

Si, i buoni spesa cartacei riportano il nome e cognome del beneficiario dei buoni spesa, scritto a mano dagli operatori del Comune.
 

In caso di assenza momentanea dalla propria casa dovuta a esigenze di prima necessità i buoni spesa vengono lasciati nella cassetta della posta o può ritirarli un familiare presente in casa?

I buoni spesa non potranno essere lasciati nella cassetta della posta, in quanto il beneficiario dovrà firmare per ricevuta di avvenuta consegna.
Solo per motivi di assoluta necessità, qualora il beneficiario non sia trovato in casa, ma sia uscito per una delle eccezioni previste nei DPCM di contrasto al contagio da COVID – 19, i buoni spesa potranno essere consegnati ad un familiare che firmerà per ricevuta, specificando sulla ricevuta il legame di parentela.
 

Chi verifica la mia richiesta?

Sulla base delle linee di indirizzo approvate dalla Giunta, la richiesta viene esaminata da un gruppo di lavoro composto da funzionari del Comune, coordinati dall’Assessore alle Politiche Sociali.
 

Il Comune può controllare la mia richiesta, una volta ricevuti i buoni spesa?

L’amministrazione comunale potrà provvedere ad effettuare controlli in ordine alla veridicità delle dichiarazioni riportate nella richiesta telefonica all’operatore ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”. Il Comune potrà verificare le informazioni pervenute, confrontando i dati disponibili in anagrafica e incrociandoli con il sistema informativo dei servizi sociali e dell’anagrafe. Potranno essere effettuati controlli a campione.
Ultima modifica: 05-11-2020
REDAZIONE:
EMAIL: