Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Disposizioni normative - dalle precedenti alle attuali

Precedenti disposizioni normative


L’art. 31, comma 3, della legge 09/01/1991, n. 10  prevedeva che i comuni con più di 40.000 abitanti e le province per la restante parte di territorio effettuassero, con cadenza almeno biennale e anche avvalendosi di organismi esterni, i controlli relativi allo stato d’esercizio e manutenzione degli impianti termici.
 
   
Il Comune di Ferrara aveva, inoltre, recepito quanto stabilito dalla delibera di Giunta della Regione Emilia-Romagna del 18/03/02, n. 387 con proprio provvedimento di Giunta PG 39313 del 22/10/02 che prevedeva, tra l’altro, che le ditte abilitate alla manutenzione consegnassero, come dichiarazione attestante il rispetto delle norme, ogni due anni all’ente competente il rapporto di controllo tecnico, completo del bollino “CALORE PULITO”, redatto al termine delle operazioni di controllo ed eventuale manutenzione e firmato anche dall’utente per presa visione.
 
Le normative di cui ai punti precedenti, insieme alle loro varie modifiche e/o innovazioni intervenute negli anni, sono state gestite per il territorio del Comune di Ferrara, dall’ U.O. Energia del Comune di Ferrara con l’istituzione continuativa almeno dall’anno 2003 di bienni termici che si sono succeduti fino al 31/12/2018, termine ultimo del Biennio Termico 2017/2018.  Vedi file pdf - ultima informativa calore pulito biennio 2017/2018
 

Attuali disposizioni normative


Dal 01/01/2019 la materia viene trattata dalla Regione Emilia-Romagna tramite la nuova “Operazione Calore Pulito” con l’istituzione, tra l’altro, di un catasto regionale per gli impianti termici denominato CRITER. 
    
 
 
Dal 01 gennaio 2019 è entrato in vigore anche sul territorio del Comune e della Provincia di Ferrara il Regolamento della Regione Emilia-Romagna  n° 1, del 03/04/2017 e sue successive modificazioni, in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici che prevede che sia la Regione Emilia-Romagna o l’eventuale Organismo di Accreditamento ed Ispezione incaricato, e non più i Comuni o le Provincie prima competenti,  a gestire la materia trattata dal Regolamento su tutto il territorio regionale. Il Regolamento disciplina le modalità di esercizio, controllo ed ispezione degli impianti termici;
 
L’U.O. Energia del Comune di Ferrara, che aveva gestito la materia ininterrottamente per il territorio del Comune di Ferrara dal 1995 al 31 dicembre 2018, attualmente mantiene le proprie competenze in materia di impianti termici per quanto riguarda:
  • problematiche impiantistiche o mancate trasmissioni di documentazioni riguardanti gli impianti termici relativi alle varie biennalità termiche gestite fino al 31/12/2018 che potrebbero anche generare controlli strumentali in loco;
  • problematiche varie riguardanti la nuova “Operazione Calore Pulito” che potranno essere demandate dalla Regione Emilia-Romagna dall’01/01/2019 in poi;
  • tutte quelle problematiche in materia di impianti termici e affini, che non saranno gestite dalla Regione Emilia-Romagna.


Con il nuovo Regolamento Regionale viene istituito il nuovo Catasto Regionale degli Impianti Termici, denominato CRITER che è un sistema informativo regionale relativo agli impianti termici, in cui confluiscono e vengono aggiornati i dati relativi agli impianti termici presenti sul territorio regionale e consentirà alla Regione di raccogliere dati per avere un quadro preciso, per poi intervenire con norme e incentivi che favoriscano ulteriormente il miglioramento dell’efficienza degli impianti, riducendo i consumi di energia e l’emissione di fumi inquinanti in atmosfera.
   
Per la costituzione del CRITER si rende obbligatorio la Targatura degli impianti termici, effettuata tramite l’invio informatico da parte degli operatori del settore (installatori e manutentori) del contenuto dei Libretti di Impianto, che ha l’obiettivo di identificare ogni impianto in modo univoco attraverso un codice rilasciato dall’applicativo informatico CRITER, detto Targa Impianto, da allegare al Libretto di Impianto.

L’impianto termico è un sistema tecnologico che serve a riscaldare o raffrescare gli ambienti per la climatizzazione invernale e la climatizzazione estiva.
Sono soggetti agli obblighi normativi di registrazione in CRITER:
  • tutti gli impianti di climatizzazione invernale di potenza maggiore o uguale di 5 kW (sono compresi tutti gli impianti di riscaldamento individuale, anche le stufe e gli apparecchi autonomi per il riscaldamento, solo se installati in modo fisso) e gli impianti per la produzione di acqua calda sanitaria (sono esclusi quelli al servizio delle singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate);
  • tutti gli impianti di condizionamento estivo di potenza maggiore o uguale  di 12 kW (sono esclusi quasi tutti gli impianti di condizionamento estivo individuale).
Viene reso obbligatorio riversare su CRITER i dati contenuti nei Rapporti di Controllo ed Efficienza Energetica relativi alla manutenzione periodica degli impianti termici:
  • di condizionamento invernale di potenza maggiore o uguale di 10 kW;
  • di condizionamento estivo di potenza maggiore o uguale di 12 kW;   
  • in occasione della effettuazione del controllo obbligatorio di efficienza energetica (in tale occasione sarà obbligatorio il pagamento del Bollino Calore Pulito della Regione Emilia-Romagna, rilasciato dal manutentore e generato informaticamente dall’applicativo CRITER) con la periodicità e la casistica indicati all’interno del Regolamento.
 Per gli impianti termici esistenti è previsto che il Libretto di Impianto debba essere registrato presso CRITER entro e non oltre il 31 dicembre 2019.

 
    

  Obblighi per il responsabile dell’impianto
 
  Il responsabile dell’impianto deve rivolgersi ad un’impresa abilitata perché provveda all’inserimento in CRITER, entro e non oltre il 31 dicembre 2019, dei propri dati identificativi e di quelli relativi all’impianto.
 
   Ad ogni impianto il CRITER associa un numero di targa che l’impresa consegnerà al responsabile e che va conservato insieme al libretto cartaceo. 
   La targa deve essere disponibile ad ogni successivo controllo dell’impianto, le cui scadenze sono stabilite dal Regolamento regionale.


Le disposizioni indicate nel Regolamento Regionale sono meglio delucidate nella
"Guida per l'esercizio, la manutenzione e il controllo degli impianti termici - Vademecum per il cittadino"  - Vademecum Informativo Ervet (1.311 Kb)


Ai sensi dell'art. 7 del Regolamento Regionale n. 1 del 3 aprile 2017, l'organismo di accreditamento e di ispezione incaricato dalla Regione Emilia Romagna è Art-ER, società consortile per azioni, nata dalla fusione di Aster ed Ervet.Per prendere visione del nuovo Regolamento regionale con le sue successive modificazioni: vedi link https://energia.regione.emilia-romagna.it/criter/
Per prendere visione dell'Operazione Calore Pulito: vedi link https://energia.regione.emilia-romagna.it/criter/criter
Per informazioni, contattare i seguenti numeri telefonici operativi dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00:   051.5277652 - 051.5276565 - 051.5276461
Contatto tramite mail:   accreditamentoenergia@regione.emilia-romagna.it

Ultima modifica: 30-09-2019
REDAZIONE: Roberto Mauro - Roberto Ferrigato - Alessandro Pazi
EMAIL: energia@comune.fe.it