Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Protocollo Intesa Contrasto Omotransnegativitą

Che cos'è PICO

È il Protocollo d’Intesa per la definizione di azioni, strategie di intervento e di Contrasto all’Omotransnegatività.  
L'attuale versione del PICO (firmata il 28 ottobre 2018) ha una validità permanente dalla data della sua sottoscrizione ed è sempre aperto a nuovi adesioni, ovvero, in qualsiasi momento può essere sottoscritto da soggetti istituzionali e non che, condividendone contenuti e finalità, ne facciano richiesta scritta. 
Prevede inoltre l'insediamento di un Tavolo di Lavoro composto dai soggetti sottoscrittori dello stesso – o loro delegati - che avrà tra i suoi vari compiti quello di definire un Piano di Azione di respiro locale e di ricaduta provinciale che si propone di:
  • consolidare il lavoro di rete attraverso la condivisione di azioni specifiche;
  • favorire azioni integrate tra i differenti soggetti presenti al tavolo;
  • promuovere attività di formazione nei diversi servizi e realtà coinvolti;
  • promuovere iniziative di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza.

Documenti scaricabili:
Protocollo Intesa Contrasto Omotransnegatività - PICO (.pdf)
Linee guida europee lgbt - 2013 (.pdf)
Protocollo Intesa Contrasto Omotransnegatività firmato - Scansione   (.pdf)
Comunicazione Protocollo Intesa Contrasto Omotransnegatività - Scansione   (.pdf)



Storia di PICO
La sua prima stesura datata 2011, era stata fortemente sollecitata dalle Associazioni LGBT ferraresi (Circomassimo Arcigay Arcilesbica Ferrara, Agedo e Famiglie Arcobaleno) che da anni operano sul territorio ferrarese per sensibilizzare e contrastare attivamente tutte le forme di discriminazioni omofobiche, e che avevano trovato nella Provincia l’interlocutore attento per la sottoscrizione di tale documento assieme ai Sindacati Confederali CGIL Area Nuovi Diritti e UIL.

Negli anni seguenti, grazie alle molteplici iniziative ed attività di sensibilizzazione realizzate, le adesioni al Protocollo hanno coinvolto anche altri soggetti istituzionali e non tra cui l’Azienda USL, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria e l’Università degli Studi di Ferrara, oltre ad Associazioni territoriali particolarmente attente alla difesa dei diritti come il Centro Donna Giustizia, che da sempre si occupa del contrasto alla violenza di genere, il CAM Centro d’Ascolto Uomini Maltrattanti, la Consigliera di Parità della Provincia di Ferrara, il Comitato Provinciale di UISP che da tempo promuove campagne di sensibilizzazione sportiva sulle buone prassi per il contrasto dell’omotransnegatività negli ambienti sportivi.

A seguito della scadenza del Protocollo a dicembre 2014 e del riordino istituzionale e territoriale che ha coinvolto le Province, questo Comune ha ritenuto opportuno non disperdere le collaborazioni positive nel frattempo instauratesi e l’esperienza maturata, proseguendo nel percorso intrapreso attraverso il rinnovo del documento alla luce delle recenti normative e risoluzioni europee emanate e l’ampliamento dei soggetti sottoscrittori al Protocollo in questione, allo scopo di consolidare la rete di sinergie territoriali volte a promuovere sensibilizzazione politica e culturale sul tema.
Si aggiunge come soggetto sotocrittore del Protocollo, la Prefettura di Ferrara che con la sua adesione comprende le forse dell'Ordine polizia e carabirnieri.


 
Ultima modifica: 07-11-2018
REDAZIONE: Pari Opportunitą
EMAIL: e.ghesini@comune.fe.it