Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Gli interventi realizzati nel 2015

Beni Monumentali, PSA, Mura

Il recupero del Centro Storico: la progettazione dell'ex Bazzi e di via Saraceno.
Il Programma Speciale d'Area del Centro Storico ha, grazie all'intervento finanziario della Regione Emilia Romagna e del Comune di Ferrara, permesso una complessiva riqualificazione e contribuito a rendere il centro storico di Ferrara sempre più bello, accessibile, vivibile. Con gli interventi realizzati fino ad oggi sono statisticamente oltre 14 milioni di euro di investimenti (cofinanziati al 50% dalla Regione) che hanno permesso la riqualificazione di delle piazze e delle vie del nostro centro storico, interventi di potenziamento dell'illuminazione o di illuminazione artistica di palazzi e monumenti, il recupero di palazzi (come Palazzo Municipale).
Ora il PSA entra nella sua fase finale, con gli ultimi interventi in programma: da un lato l'allargamento dei percorsi del centro storico e nel corso del 2015 si è progettato l'intervento in via Saraceno (600mila euro) che sarà appaltato e realizzato il prossimo anno (il 2017 sarà invece l'anno della riqualificazione di piazza Verdi); dall'altro lato il recupero funzionale di palazzi storici, e in questo caso quest'anno si è conclusa la progettazione del recupero dell'ex Bazzi-Coloniali (650mila euro), intervento che la città attende da anni e che sarà anch'esso appaltato e accantierato nel 2016. Da ultimo è in corso la gara per affidare la progettazione definitiva del recupero del Teatro Verdi, progetto inserito tra gli interventi cofinanziati dalla Regione nell'ambito dell'Asse 6 del POR-FERS.



Gli interventi al patrimonio monumentale. Le Mura Estensi.
Si è concluso nel mese di dicembre il cantiere di Casa Minerbi, condotto dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici e realizzato anche grazie a un cofinanziamento del Comune di Ferrara (pari a 520mila euro). Grazie a questo intervento di recupero (del costo complessivo di 1,52 milioni di euro) nei primi mesi del 2016 (una volta terminati gli allestimenti) si restituirà alla nostra città un nuovo spazio, e che consentirà di poter ammirare gli affreschi trecenteschi della sala dei Vizi e delle Virtù. Tra gli altri interventi realizzati durante l'anno per la riqualificazione del patrimonio monumentale cittadino segnaliamo: la sostituzione dell'impianto di raffrescamento di Palazzo dei Diamanti (100mila euro), l'adeguamento impiantistico realizzato al Torrione di San Giovanni sede del JazzClub (55mila euro), la sostituzione dell'impianto spegnimento fumi della Biblioteca Ariostea (70mila euro); sono stati inoltre aggiudicati (anche se la loro realizzazione partirà nei primi mesi del 2016) l'adeguamento dell'impianto elettrico del complesso di S.Maria della Consolazione, il nuovo impianto illuminotecnico a Palazzo dei Diamanti, il nuovo impianto di allertamento acustico della Residenza Municipale. Per quanto riguarda gli interventi alle Mura Estensi è in fase di conclusione la realizzazione del muro in terra armata di chiusura del Baluardo dell'Amore, che concluderà questo lotto di interventi. Si è invece concluso il primo intervento, del costo di 100mila euro di manutenzione straordinaria delle ciclabili del sottomura.


Sisma: il recupero della Prospettiva e la partenza di quattro interventi.
Interventi di recupero dei pinnacoli e progettazione esecutiva (e messa in gara) degli interventi previsti nel Programma regionale delle opere pubbliche e dei monumenti colpiti dal sisma (investimenti che vedono il Comune di Ferrara come stazione appaltante per oltre 35 milioni di euro): questo l'impegno del 2015 sul fronte degli interventi postsisma. Il restauro e il ricollocamento dei pinnacoli di Parco Pareschi, Porta Romana, giardino di Palazzo dei Diamanti e da ultimo (montandoli sopra speciali piastre antisismiche) di quelli della Prospettiva di corso Giovecca, hanno permesso di restituire il volto originario a importanti monumenti della nostra città. Inoltre tutti i progetti esecutivi sono stati presentati alla Regione per il vaglio tecnico e finanziario nel corso del 2015. E per quattro di questi (Casa Niccolini, futura sede della sezione ragazzi della biblioteca Ariostea, 1,150 milioni di euro; ex Mof di corso Isonzo, futura sede dell'Urban Center e dell'ordine degli architetti, 1,115 milioni di euro; Certosa Monumentale, 2,00 milioni di euro; Palazzo Massari e Palazzina Cavalieri di Malta, 2,60 milioni di euro) sono in corso le procedure di gara che ci consentiranno già dai primi mesi del 2016 di far partire i cantieri.



Edilizia
Edilizia scolastica: interventi per la sicurezza di strutture e impianti.
Sono numerosi i cantieri che negli scorsi mesi estivi hanno interessato gli edifici scolastici di proprietà comunale, con interventi programmati dall'Amministrazione comunale per il miglioramento della sicurezza delle strutture e degli impianti. Tra le varie tipologie di lavori eseguiti figura il consolidamento di solai, l'eliminazione di infiltrazioni dalle coperture e la sistemazione dei sistemi per le segnalazioni antincendio ottico acustiche. In programma anche l'esecuzione di indagini relative all'antisfondellamento dei solai di dieci edifici scolastici e per la certificazione antincendio di ulteriori dieci strutture. Queste alcune delle scuole interessate dai lavori: CPI materna e primaria Guarini (200mila euro); coperto materna Casa del Bambino (20mila euro); coperto primaria Alda Costa, controsoffitti Carmine della Sala, solaio della palestra Biagio Rossetti, nuova sede del CPIA (600mila euro); CPI scuole infanzia interventi e verifiche (300mila euro); verifiche sfondellamenti e conseguenti interventi ai solai (155mila euro); elevatore primaria Francolino (50mila euro); parziale sostituzione infissi Bonati-Pascoli (50mila euro); vasca antincendio nido Costa (30mila euro); scala antincendio nido Rampari (30mila euro); per quasi 1,50 milioni di euro di interventi.


Edilizia sociale e culturale.
A fianco degli interventi in edilizia scolastica, nel corso del 2015 sono proseguiti numerosi interventi nel campo dell'edilizia sociale e culturale: si sta concludendo l'intervento, realizzato da ACER, per la realizzazione in via Bianchi di 43 nuovi alloggi in locazione permanente, con un investimento di 4,8 milioni di euro cofinanziato da Regione a Emilia Romagna con 3,4 milioni di euro; il recupero, sempre da parte di ACER di ulteriori quattro palazzine in via Gatti Casazza al Barco.
Questi gli altri interventi nel campo dell'edilizia sociale e culturale: gli interventi funzionali alla riqualificazione e all'ampliamento dei centri sociali di Boara e Corlo (350mila euro cofinanziati dalla Regione); gli interventi postsisma ai centri sociali di Sabbioni (100mila euro), Melo (72mila euro), Rivana (100mila euro) e all'ex scuola di Contrapò (115mila euro) sede della banda di Cona e dell'associazione ContraRock; gli interventi funzionali allo spostamento del Centro per l'Impiego in via Fossato di Mortara che ha consentito di eliminare un pesante fitto passivo; i lavori per l'ottenimento del CPI ai Magazzini Savonuzzi (44mila euro).



Finanziati gli interventi al Motovelodromo, Campo Scuola e Darsena.
A fianco di un primo importante lotto di interventi, da 200mila euro, per adeguare lo Stadio comunale Paolo Mazza dal punto di vista della sicurezza, nel 2015 sono stati progettati e sono state cercate le coperture finanziarie per avviare la riapertura e l'adeguamento di importanti impianti. Sono tutti vincitori di bandi di finanziamento i tre progetti di riqualificazione che l'Amministrazione comunale ha programmato per i prossimi mesi per altrettanti impianti sportivi cittadini. Il primo degli interventi prevede la manutenzione straordinaria del campo sportivo scolastico comunale di via Porta Catena, con lavori per il rifacimento della pista di atletica e la sistemazione della tribuna e dei relativi servizi igienici oltre che dei locali spogliatoio. Il secondo progetto comprende invece interventi di ristrutturazione da eseguire all'interno del Motovelodromo di via Porta Catena e, in particolare, il completo ripristino della pista, inutilizzata da quasi due decenni e lo smantellamento della tribuna in disuso sul lato est. Entrambi i progetti sono stati ammessi a contributo per mutuo ad interessi zero da contrarre con l'Istituto di Credito Sportivo, nell'ambito dell'iniziativa "500 impianti sportivi di base", per la somma di 150mila euro ciascuno. Il terzo intervento prevede infine la realizzazione, nella Darsena di San Paolo, di un rimessaggio barche con annessa palazzina uffici e servizi (bar e bagni per il pubblico). L'opera, che richiederà una spesa complessiva di 900mila euro, è risultata una delle dieci vincitrici del bando regionale per progetti di miglioramento del patrimonio impiantistico sportivo regionale, ottenendo un contributo regionale di 420mila euro. La quota restante sarà finanziata in parte con risorse del Comune, in parte con fondi del Cus, gestore della struttura.


Infrastrutture, Verde, Mobilità
Strade. Marciapiedi. Segnaletica.
Questi i numeri degli interventi realizzati nel corso del 2015: più di 60 strade asfaltate per quasi 150mila mq di materiale bituminoso posato; attivati quattro contenitori di manutenzione strade e uno di manutenzione dei marciapiedi; interventi in strade e vie del centro storico con materiale lapideo (tra gli altri Piazzale San Giovanni e via Ercole de Roberti); 2713 richieste di intervento al call center delle quali 2410 evase (pari all'89%); 975mila ml di segnaletica; altri 44mila mq di segnaletica (attraversamenti pedonali, isole di traffico, rallentatori ottici, ecc.); oltre 700 marker stradali, proseguendo la sperimentazione con nuovi impianti di segnaletica stradale a incasso fotovoltaico; rifacimento di 341 aree di carico e scarico, 677 aree di sosta per disabili e 538 fermate del trasporto pubblico; nuovi attraversamenti rialzati e protetti; 1811 segnalazioni per interventi urgenti alla segnaletica delle quali solo 18 ad oggi ancora inevase; assistenza operativa a 201 manifestazioni sportive e culturali. Per un totale di oltre 5 milioni di euro investiti nella manutenzione della rete viaria del territorio.


Pubblica illuminazione. Aree verdi. Interventi alle reti.
Anche per tutto il 2015 sono proseguiti numerosi gli interventi sul fronte della riqualificazione e del potenziamento del servizio di pubblica illuminazione cittadino con lavori di adeguamento impiantistico e di risparmio energetico che hanno interessato il comparto di via Mortara (120 punti luce), via Savonarola e via Cisterna del Follo (35 punti luce), piazza Fausto Beretta (14 nuovi punti luce e il restauro dei 7 pastorali storici), via Malpasso a seguito della realizzazione della nuova pista ciclabile (17 punti luce nuovi e potenziamento dei 10 punti luce esistenti), la zona Stazione (con 100 nuovi punti luce a led) e l'illuminazione di piazza Buozzi a Pontelagoscuro. Sul fronte degli interventi alle aree verdi segnaliamo: il rinnovo della convenzione con le associazioni agricole per la cura del verde; la piantumazione di 65 nuovi alberi nell'ambito della campagna di Hera per la promozione della bolletta on-line che si vanno ad aggiungere alle piantumazioni programmate; l'avvio nel quartiere Barco del progetto Un Bosco a Ferrara in ricordo del maestro Claudio Abbado. Hera SpA, in accordo con il Comune e Atersir, ha proseguito la campagna di investimenti nel territorio di Ferrara sul fronte dell'ammodernamento delle reti: l'intervento principale ha riguardato il completamento del nuovo impianto fognario di Boara con il collegamento al depuratore di Ferrara (circa 750mila euro di investimento); la conclusione dell'intervento sulla fognatura di via Polina a San Martino; la progettazione della nuova fognatura in via Penavara sempre a San Martino; il rifacimento della linea idrica in via Viazza a Boara; e la sostituzione della rete gas nei comparti via Porta d'Amore, Cesare Battisti, XVI Marzo. Numerosi nel corso del 2015 sono stati anche gli interventi dei principali gestori di servizi di telefonia mobile per rendere operative a Ferrara le nuove reti a banda ultralarga per la telefonia fissa e mobile. Da ultimo l'adeguamento del sistema cittadino di videosorveglianza: tutte le telecamere esistenti sono state sostituite con telecamere digitali e sono state installate cinque nuove telecamere in centro storico e nella zona Giardino.


Sicurezza stradale e mobilità urbana sostenibile.
Oltre 2,4 milioni di euro investiti per aumentare la sicurezza stradale di Ferrara grazie a: interventi di moderazione del traffico volti a rallentare la velocità di percorrenza dei veicoli nel tentativo di mettere in sicurezza e al tempo stesso preservare zone a vocazione residenziale (speed check, modifiche dei sensi di marcia, rafforzamento della segnaletica orizzontale e verticale esistente, riorganizzazione della viabilità in alcuni comparti, istituzione di zone 30 e residenziali e posizionamento di dossi); interventi di messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali in corrispondenza di scuole e di luoghi di interesse e di messa in sicurezza dei sottopassi sia veicolari che pedonali in caso di allagamenti e forti piogge; interventi di completamento della rete ciclabile nell'ottica di dare sempre maggiore continuità e capillarità alla rete esistente (con l'apertura del collegamento in sede propria da Francolino a via Pomposa). Infine è operativo il sistema di infomobilità GIM, che fornisce informazioni in tempo reale sull'arrivo dei bus.
Numerosi anche gli interventi di mobilità sostenibile, volti a incentivare mezzi e modalità sostenibili di spostamento (implementazione del servizio di bile sharing con 3 nuove postazioni, nuova flotta di 10 mezzi elettrici del Comune, installazione di colonnine pubbliche di ricarica dei veicoli elettrici, miglioramento del trasporto pubblico locale attraverso interventi di adeguamento delle fermate bus con particolare attenzione alla linea diretta all'Ospedale di Cona).


Il secondo stralcio di piazza Buozzi. E il cantiere della Tangenziale Ovest.
Dopo l'apertura a fine 2014 del primo tratto della nuova Tangenziale Ovest, il cantiere ha viaggiato spedito fino allo scorso mese di novembre, quando l'avvio delle procedure di liquidazione di una delle società vincitrici dell'appalto pareva aver compromesso la conclusione dell'opera; fortunatamente è notizia di questi giorni la ripresa del cantiere con la realizzazione delle poche opere accessorie (guardrail, pubblica illuminazione, segnaletica) che ancora rimangono per garantirne la conclusione e la definitiva apertura della Tangenziale Ovest. Nel secondo semestre del 2015 sono inoltre partiti i lavori del secondo stralcio di piazza Buozzi a Pontelagoscuro con: la sistemazione della parte di piazza tra la via Risorgimento e corso del Popolo; la nuova illuminazione; e la pavimentazione sotto al Centro Civico.








Per consultare il dettaglio dei cantieri clicca sulla mappa interattiva oppure visualizza Cantieri conclusi 2015 in una mappa di dimensioni maggiori.
Ultima modifica: 17-01-2018
REDAZIONE: Mappa Opere del Comune
EMAIL: