Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Alloggi in locazione temporanea

Modifiche e integrazioni all'ord. 26/2014
N.B.: Si segnala che l'Ordinanza n. 20 dell’8 maggio 2015 è stata integrata e modificata dall’Ordinanza n. 39 del 6 agosto 2015, dall'Ordinanza n. 58 dell'11 dicembre 2015 e dall'Ordinanza n. 46 del 1 agosto 2016.

Cos'è
Ai sensi dell'ord. 26/2014, i cittadini sfollati dalle proprie abitazioni inagibili possono richiedere un alloggio in affitto reperito dalla Pubblica Amministrazione. L'Ordinanza n. 20 dell'8 maggio 2015 e smi revisiona tale beneficio e prevede l'obbligo, da parte dei cittadini che già ne usufruiscono, di dichiarare la volontà di rientrare nell'abitazione di provenienza al termine dei lavori di ripristino dell'agibilità. A partire dal 1° luglio non sarà più possibile stipulare un nuovo contratto ai sensi dell'ord. 26/2014.

Chi può presentare la dichiarazione
Tutti i nuclei che già usufruiscono di un alloggio in locazione temporanea ai sensi dell'ord. 26/2014 sono tenuti a presentare la dichiarazione Alloggi in locazione temporanea.

Termini e modalità di presentazione della dichiarazione
Entro il 15 settembre 2015 i nuclei che usufruiscono di un alloggio in locazione temporanea ai sensi dell'ord. 26/2014 dovranno presentare il modulo Alloggi in locazione temporanea compilato in ogni sua parte.

I nuclei che non presenteranno il modulo entro il 15 settembre 2015 decadono dal beneficio.

Passaggio dall’assistenza con alloggio in affitto con oneri a carico della Pubblica Amministrazione a Contributo per il Canone di Locazione o Contributo per il Disagio Abitativo
Alla scadenza del contratto ai sensi dell’ord. 26/2014 e smi i nuclei la cui abitazione di provenienza sarà ancora inagibile, potranno cercare autonomamente una sistemazione temporanea.
Nel caso in cui l’abitazione venga occupata a titolo oneroso il nucleo potrà richiedere il Contributo per il canone di locazione (CCL); qualora, invece, l’abitazione venga occupata a titolo gratuito il nucleo (solo se proprietario, usufruttuario o comodatario dell’abitazione sgomberata) potrà richiedere il Contributo per il Disagio Abitativo temporaneo (CDA).


Per ulteriori informazioni e per assistenza nella compilazione delle domande rivolgersi al
COC Accoglienza
via Spadari, 2/2
44121 Ferrara
tel 334 1016433
fax 0532 419762
e-mail coc.accoglienza@comune.fe.it
PEC assistenzasisma2012@cert.comune.fe.it

Dal 1° luglio 2017 il COC Accoglienza riceverà il pubblico ESCLUSIVAMENTE PREVIO APPUNTAMENTO, da concordare telefonando al numero 334 1016433 o scrivendo un’e-mail all’indirizzo coc.accoglienza@comune.fe.it. Si invitano i cittadini a concordare un appuntamento con lo scrivente Ufficio anche per la consegna di qualsiasi riscontro documentale (ricevute di pagamento, bollette, etc…).


Documenti utili
Testo coordinato - ord. 20/2015 e smi.pdf
Modulo - Alloggi in locazione temporanea.pdf


Sei il visitatore n. 2326
Ultima modifica: 08-05-2018
REDAZIONE: COC Accoglienza
EMAIL: coc.accoglienza@comune.fe.it