Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Focus Group

FOCUS GROUP – Definizione

Tecnica qualitativa di rilevazione dati che si basa sulla discussione di gruppo su un tema specifico (Zammuner, 2003)

Tecnica di rilevazione dati che si basa su una discussione di gruppo gestita da un moderatore e focalizzata su uno o più argomenti specifici (Corrao, 2000)

Discussioni altamente pianificate finalizzate ad ottenere le percezioni dei partecipanti su una definita area d’interesse in un ambiente permissivo e non minaccioso (Krueger, 1994)

Un focus group (o gruppo di discussione) è una tecnica qualitativa utilizzata nelle ricerche delle scienze umane e sociali, in cui un gruppo di persone è invitato a parlare, discutere e confrontarsi riguardo all'atteggiamento personale nei confronti di un tema, di un prodotto, di un progetto, di un concetto, di una pubblicità, di un'idea o di un personaggio. Le domande sono fatte in modo interattivo, infatti, i partecipanti al gruppo sono liberi di comunicare con gli altri membri, seguiti dalla supervisione di un conduttore (in genere il ricercatore o un suo assistente).




IL PROGETTO

I percorsi sui comportamenti a rischio vengono rivolti a ragazzi di 15 anni (II superiore) ormai dal 2003/04, cioè da quando Promeco si è posto il problema di trovare un approccio alla prevenzione che tenesse conto delle esperienze e conoscenze maturate dagli adolescenti indipendentemente dal rapporto con gli operatori dei servizi.
Gli adolescenti stessi dichiarano che le fonti di informazione sulle droghe per loro più affidabili sono l'esperienza personale e quella dei compagni. E' dunque necessario trovare una modalità e un linguaggio adatti per inserirsi in modo credibile e introdurre nuovi elementi in un sistema di significati che a 15 anni è in parte già strutturato.

L'obiettivo dei percorsi è diffondere una percezione corretta dei rischi connessi all'uso di sostanze legali e illegali aprendo il dialogo sui modelli di aggregazione e di divertimento quotidianamente sperimentati dai ragazzi. Le storie, i dubbi, i rischi corsi, la fatica di scegliere vengono messi in comune tra i ragazzi creando un clima di condivisione e supporto reciproco.
I percorsi, fatti di un numero variabile di incontri per ogni classe o gruppo, vengono preceduti dalla somministrazione di un questionario ex ante e seguiti (a due settimane dall'ultimo incontro) da un questionario ex post.

Esiti della valutazione
Negli a.s. 2004/05 e 2005/06 i percorsi sul rischio sono diventati occasione di ricerca: i questionari ex ante ed ex post (a.s. 2004/05) e i verbali dei focus group (a.s. 2005/06) sono stati analizzati e raccolti nel Quaderno di Promeco "Fifteen", presentato nel convegno omonimo del 12 dicembre 2006.




Scarica il Quaderno "fifteen.pdf" - formato .PDF







UN REPORT PENSATO PER I GENITORI
Le informazioni e i vissuti raccolti dai ragazzi sono stati in parte rielaborati in una versione specifica per i genitori. Nasce così "E' giovane ma crescerà", il quaderno per i genitori.

  • COSTRUZIONE DEL SETTING: la classe si dispone in un cerchio, di cui anche i conduttori fanno parte, mentre gli insegnanti restano fuori dall'aula. Sono generalmente due, uno per facilitare il gruppo l’altro per verbalizzare;
  • RISCHIO: un brainstorming per raccogliere il maggior numero di associazioni mentali per introdurre un clima di ascolto, scambio, non giudizio, riconoscimento di legittimità a tutto ciò che viene portato dal gruppo;
  • RISCHIO, GRUPPO, DIVERTIMENTO: un primo approfondimento per capire come, dove, con chi, quando, perché si rischia. In questa fase ancora non si parla di droghe, anche se i ragazzi stessi introducono l’argomento parlando di sabato sera, del gruppo, dei rituali.
  • RISCHIO, ALCOOL, CANNE... GUIDA: per fare emergere sia il significato e le modalità del consumo, stimolando la ricchezza di particolari ed episodi tratti dall’esperienza personale o di altri coetanei, sia il confronto con gli adulti (genitori, insegnanti) e le informazioni già possedute sulle sostanze. Le sostanze diverse da alcol e cannabis vengono eventualmente introdotte dagli studenti e via via discusse all'interno del gruppo.
  • LIMITE: per comprendere sia quali sono le modalità individuali e di gruppo con cui i ragazzi riconoscono il momento giusto per fermarsi, sia l’efficacia delle campagne informative sulle sostanze proposte in generale dalle istituzioni.

Gli operatori hanno il ruolo di facilitare il dialogo all’interno del gruppo, garantire un clima di rispetto verso tutte le opinioni e introdurre informazioni corrette laddove errate o mancanti.




Scarica il quaderno E' giovane ma crescerà


Ultima modifica: 05-02-2013
REDAZIONE: Promeco - Centro per la Promozione della Comunicazione
EMAIL: promeco@comune.fe.it