Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Raccolta differenziata

Raccolta differenziata: imprescindibili azioni di responsabilità sociale.

La materia dei rifiuti è sempre più d'attualità: le modalità di smaltimento sono, senza dubbio, diverse. Un imballaggio complesso ad esempio, al momento di buttarlo, scegliamo di assimilarlo alla carta o alla plastica? Ancora: possiamo gettare le lampadine già usate nella campana del vetro?.
All'apertura del frigorifero, vedendo tutto quello che contiene, siamo assaliti dai dubbi su come scartare pacchi e confezioni: quale criterio seguire in queste circostanze?
Anche il Legislatore è intervenuto per disciplinare tale materia. Da dicembre 2010 il privato che abbandoni rifiuti per strada, in mare o nei fiumi può incorrere in una sanzione di 600 euro (DL.gs 152/06).

Il riciclo e la raccolta differenziata, scorrono su due binari paralleli: se il riciclo è proficuo allora la raccolta sarà ottima. Obiettivo principale è la qualità: senza di essa ci sarebbe una falsa partenza. La corretta gestione della raccolta e del riciclo realizza il "triangolo della sostenibilità", (l'ambiente, l'aspetto sociale e l'economia, sono elementi di egual valore che devono essere bilanciati, conciliati o conservati), ovvero, riciclare, significa trasformare i rifiuti in risorse.
Differenziare in modo corretto non giova solo all'ambiente, ma anche alle tasche dei cittadini, a legge prevede che dai costi del servizio di raccolta differenziata, che vanno a determinare la tassa del servizio di igiene urbana, vengano detratti sia i contributi che gestori e Comuni ricevono dal Conai sia i ricavi derivanti dalla vendita dei materiali

Vediamo ora alcuni esempi di corretta raccolta differenziata e consigli generali.

I. La carta da pacchi e i cartoni usati per confezionare i regali, ben piegati e ridotti di volume, vanno conferiti insieme a "carta e cartone" ;
II. Nastri da imballaggio e carta plastificata vanno buttati con i "materiali non riciclabili";
III. La bottiglia di vino, vuotata e sciacquata, va conferita nel "multi materiale", vale a dire contenitori in vetro, plastica e metalli;
IV. Il tappo in sughero, deve essere buttato con i "materiali non riciclabili";
V. Le bottiglie di plastica devono essere schiacciate e ridotte di volume prima di essere conferite nel "multi materiale";
VI. Anche le lattine, dopo essere state schiacciate, vanno nel "multi materiale" ;
VII. Gli scarti alimentari (avanzi di cibo, frutta e verdura) vanno separati e conferiti in maniera differenziata, ove questa esiste.
VIII. Piatti, posate e bicchieri di plastica, che si consiglia di usare in modo contenuto, sono materiali non riciclabili e per questo vanno gettati nell'"indifferenziato";

Questi, i consigli in generale:

1. Separare per riciclare: imballaggi e rifiuti vanno divisi in relazione al materiale di cui sono fatti e collocati nell'apposito contenitore per la raccolta differenziata. Con una corretta separazione all'origine è più facile il recupero e il riutilizzo dei materiali utilizzati nei prodotti che si buttano.
2. Ridurre i volumi: per non occupare troppo spazio in casa o all'interno dei contenitori e migliorare il servizio di raccolta è consigliabile ridurre il volume degli imballaggi o delle confezioni. Ad esempio schiacciare le lattine e le bottiglie di plastica (in modo orizzontale per facilitare la lettura del polimero in fase di riciclaggio).
3. Dividere i materiali: se si ha di fronte un imballaggio complesso come buste di carta con la finestrella di plastica trasparente o barattoli di vetro con tappi in metallo, bisogna dividere i diversi materiali. L'obiettivo è minimizzare le impurità per poi riciclare la massima quantità di materiale.
4. Via cibi e residui: conferire rifiuti il più possibile puliti nei vari contenitori per la raccolta differenziata. Così facendo si ridurranno le quantità di materiale che vengono scartate. Infine eliminare dagli imballaggi gli scarti e i residui di cibo o altro materiale.

Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito del gestore rifiuti urbani del Comune di Ferrara, HERA.








 
Ultima modifica: 14-06-2019
REDAZIONE: Polizia Locale
EMAIL: polizia.municipale@comune.fe.it