Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Nuova legge sulle droghe


E' ora disponibile il Rapporto della Commissione Globale per la politica sulle droghe tenutosi Domenica 2 Giugno 2011 (Italiano)
Proponiamo a seguire anche alcuni articoli reperiti sul Web in merito alla Conferenza. Scaricali qui.

Controlla qui la legislazione Italiana, Comunitaria ed Internazionale in merito all'utilizzo di sostanze stupefacenti.

La sezione inerente la legislazione Italiana tratta di:

  • Legge Fini-Giovanardi;
  • Disponibile conversione del DL fini - giovanardi
  • Accordi Stato-Regioni;
  • Decreti Legge;
  • Decreti legislativi;
  • Decreti Ministeriali;
  • Direttive e Regolamenti;
  • D.P.R.;
  • Leggi;
  • Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza.

Di che cosa si occupa il Nucleo Operativo Tossicodipendenze (N.O.T.) della Prefettura

Il N.O.T. si occupa dei procedimenti amministrativi attivati nei confronti delle persone che vengono segnalate dalle Forze dell’Ordine, per possesso di sostanza stupefacente destinata "all’uso personale" e non allo spaccio (procedimento penale).

A chi posso chiedere informazioni se vengo trovato in possesso di sostanza stupefacente per "uso personale"?

Presso ogni Prefettura - U.T.G. si trova un ufficio chiamato N.O.T. (Nucleo Operativo Tossicodipendenze) dove lavorano degli assistenti sociali e personale amministrativo disponibili a fornire le informazioni richieste.
Il N.O.T. della provincia di Ferrara è ubicato in Corso Ercole I d’Este n. 16 con orario di apertura dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00
(tel. 0532-294405 fax 0532-294424).

Quando si ravvisa lo spaccio e quando l’uso personale?

La normativa in materia di tossicodipendenze è stata modificata in senso più restrittivo. Innanzitutto, scatta la denuncia penale se l’autorità giudiziaria ritiene che la detenzione sia finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. La valutazione viene effettuata non solo tenendo conto della quantità detenuta, ma anche di altri parametri, come il possesso di grandi quantità di denaro, le modalità di presentazione della sostanza, la suddivisione in dosi, ecc..
La denuncia penale viene, inoltre, attivata qualora vengano superate le dosi minime di principio attivo contenute nella sostanza sequestrata. Al di sotto di tali limiti si presume che il possesso di droga sia per uso personale.
Per le quantità di sostanze considerate "ad utilizzo personale", controllare la sezione apposita sul sito sopra proposto.

Cosa mi succede dopo che sono stato trovato in possesso di sostanza stupefacente per uso personale?

La persona che viene sottoposta a controllo dalle Forze dell’Ordine e che viene trovata in possesso di stupefacente, viene segnalata al N.O.T. della Prefettura del luogo di residenza.
La sostanza stupefacente viene sequestrata ed inviata al competente laboratorio di analisi per determinare la qualità ed il quantitativo di principio attivo.
Qualora al momento in cui si viene fermati dalle Forze dell’Ordine si abbia la diretta ed immediata disponibilità di veicoli a motore le Forze dell’Ordine ritirano la patente di guida per un periodo di trenta giorni.
Quando si tratta di un ciclomotore viene ritirato il certificato di idoneità tecnica sempre per trenta giorni e viene disposto il fermo amministrativo del ciclomotore (30 gg).
A seguito degli esami tossicologici effettuati sulla sostanza sequestrata le Forze dell’Ordine formalizzano la contestazione redigendo apposito verbale "di contestazione dell’illecito amministrativo" che viene notificato al trasgressore e copia degli atti viene trasmessa al Prefetto competente. L’interessato ha trenta giorni di tempo per far pervenire alla Prefettura scritti difensivi e chiedere un’audizione.
Il Prefetto (l’Ufficio N.O.T.) valutata la fondatezza dell’accertamento, avvia il procedimento amministrativo ed entro quaranta giorni convoca l’interessato ad un colloquio per valutare le sanzioni amministrative da irrogare o per formulare l’invito a non fare più uso di sostanze stupefacenti (requisiti: prima volta - tenuità della violazione - se ricorrono elementi tali da far presumere che l’interessato non farà più uso di sostanze stupefacenti in futuro).

Come posso fare perché non arrivino le comunicazioni a casa?

Per quanto riguarda le comunicazioni che arrivano dalla Prefettura si può eleggere un domicilio al quale far arrivare le lettere. Questo domicilio deve essere comunicato alle Forze dell’Ordine al momento del sequestro. Si può anche, in seguito, comunicare per iscritto all’Ufficio N.O.T. l’indirizzo dove si vuole arrivino le comunicazioni.
La contestazione dell’illecito amministrativo con le analisi viene notificata dalle Forze dell’Ordine con modalità diverse. Conviene parlarne direttamente con loro.

Ultima modifica: 05-02-2013
REDAZIONE: Promeco - Centro per la Promozione della Comunicazione
EMAIL: promeco@comune.fe.it