Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Lotta integrata alla zanzara

La Regione Emilia – Romagna il 26 aprile ha approvato con la Delibera di Giunta Regionale n. 552 il Piano Regionale di Sorveglianza e Controllo delle Arbovirosi – Anno 2021.
Il Piano Regionale conferma la strategia di prevenzione messa in atto nelle scorse stagioni estive sulla base dei precedenti Piani Regionali e in linea con il Piano Nazionale di Prevenzione, Sorveglianza e Risposta alle Arbovirosi (PNA) 2020-2025.

La strategia di prevenzione delle arbovirosi enunciata dal Piano si basa sull’integrazione di dati di sorveglianza umana, entomologica e veterinaria e viene realizzata sul territorio regionale principalmente attraverso due filoni di attività:

  • la prevenzione delle infezioni di Chikungunya, Dengue e Zika virus con sorveglianza entomologica e lotta alla zanzara tigre, perseguendo la massima riduzione possibile della densità di popolazione delle zanzare e sorveglianza sanitaria per l’individuazione più precoce possibile dei casi, per attuare immediatamente le misure di controllo finalizzate a impedire la trasmissione del virus dalla persona infetta alle zanzare e da queste a un’altra persona.
  • la prevenzione della infezione da West Nile Virus in cui alla sorveglianza sanitaria si aggiungono le sorveglianze su zanzare e uccelli per avere tempestivi segnali della circolazione del virus così da attivare prontamente le misure per prevenire la trasmissione attraverso altre vie quali le donazioni di sangue, organi, tessuti e cellule staminali emopoietiche.

Il Piano e i suoi allegati, sono disponibili nella sezione “Chi fa cosa – Regione” del sito. Alcuni degli allegati sono dedicati alla sorveglianza delle malattie trasmesse dalle zanzare, a temi trasversali quali l’informazione, la formazione e la prevenzione delle punture di zanzara nell’uomo, mentre altri di carattere più tecnico sono a disposizione degli operatori coinvolti nella sorveglianza sanitaria dei casi di malattia.


L'App "ZanzaRER" per mappare i trattamenti
APP ZanzaRER nasce dall’esigenza di creare uno strumento di comunicazione vicino al cittadino e di facile consultazione in qualsiasi momento, semplicemente tramite uno smartphone.
Si possono trovare Info utili e approfondimenti sulle zanzare, sulla relativa lotta e prevenzione.
 
Nella app, registrandosi e creando un proprio account, l’utente può trovare informazioni specifiche quali:
  • Indicazioni operative differenziate in base alla tipologia di utente, ai potenziali focolai da trattare con larvicidi e ai potenziali focolai che non possono essere trattati, ma prevedono altri accorgimenti
  • Funzionalità per avvisare l’utente quando è il momento di effettuare un trattamento e per annotare quando lo si è fatto
Con l'App sará possibile leggere le news in tempo reale e collegarsi direttamente al sito zanzaratigreonline.it


Gli altri strumenti della campagna regionale
Oltre alla pagina Facebook @Regione Emilia-Romagna, sono disponibili tre pieghevoli (Previeni, Proteggi, Consigli per chi viaggia), una locandina, un opuscolo multilingue (tradotto in arabo, cinese, portoghese, inglese, francese e spagnolo), due opuscoli per gli operatori, una landing page informativa e un video.
 

 ZANZARA TIGRE   -   È nera con striature trasversali bianche sulle zampe e sul corpo. Punge in pieno giorno e in ambienti esterni e ricchi di verde, ed è attratta dagli odori corporei, dagli indumenti di colore scuro e dai profumi. La sua puntura può trasmettere la Chikungunya, una malattia tropicale che si manifesta con febbre alta, cefalea, stanchezza e dolori articolari, la Dengue, con sintomi simili, ma che può dare complicanze più gravi (febbre emorragica), e Zika, malattia emergente associata alla microcefalia dei neonati ed a sindromi di Guillain-Barrè. Queste malattie non sono attualmente presenti in Italia, ma il rischio di introdurle dai Paesi tropicali non deve essere sottovalutato.




 ZANZARA COMUNE   -   Culex pipiens   -   Di questa specie esistono diverse sottospecie fra cui: Culex pipiens pipiens e Culex pipiens molestus; la prima preferisce pungere gli uccelli (ornitofila) ed è diffusa in ambiente rurale, mentre la seconda predilige gli uomini (antropofila) ed è maggiormente adattata all’ambiente urbano. La Zanzara Comune è attiva prevalentemente di sera e di notte e all’interno di ambienti chiusi; emette un caratteristico ronzio quando si avvicina per pungere. Questa zanzara è responsabile della trasmissione del virus West Nile mentre non ha alcun ruolo come vettore dei virus Chikungunya, Dengue, Zika.


 



La prevenzione è fondamentale e l'attenzione dei cittadini può fare la differenza

Per conoscere i comportamenti da adottare per contribuire alla lotta integrata scaricare i materiali informativi e le linee guida per gli operatori che effettuano i trattamenti, vedere la pagina web della Regione Emilia Romagna.


Cosa fa il Comune

  • attività di sorveglianza attraverso 90 ovitrappole sparse per il territorio comunale che permettono di tenere monitorata la distribuzione dell’insetto;
  • da aprile a ottobre, ha dato mandato a Ferrara Tua Srl di trattare, con prodotti larvicidi i tombini, le caditoie e tutti i potenziali ristagni d’acqua nelle aree pubbliche, in 7 cicli di intervento nelle caditoie stradali (circa 36.000 manufatti), nei tombini degli immobili comunali (scuole, biblioteche, centri, uffici, ecc...), nei cimiteri, nei fossati con larvicidi biologici (Bacillus thurigiensis var. israelensis);
  • emettere l'ordinanza circa i comportamenti che tutti i cittadini devono adottare per evitare il diffondersi del fastidioso insetto.
  • ha attuato un progetto insieme al CFR (Consorzio Ferrara Ricerche) e l’Università di Ferrara, per il controllo di qualità ed efficienza dei trattamenti antilarvali nelle caditoie del Comune di Ferrara e assistenza nei casi di criticità.
  • disinfestare con trattamenti adulticidi solo in casi straordinari e di emergenza a seguito di epidemie trasmesse da vettori

Cosa fa AUSL

Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell'AUSL (Azienda Unità Sanitaria Locale) in relazione al controllo degli organismi infestanti e potenziali vettori di arbovirosi, svolge nel proprio territorio di competenza le seguenti attività:

  • valutazione e gestione locale del rischio sanitario da arbovirosi (malattie trasmesse da vettori)
  • sorveglianza dei casi umani: ricevimento segnalazione, indagine epidemiologica, gestione flussi informativi, eventuale attivazione dei Comuni per disinfestazione straordinaria, informazione ed educazione dei soggetti sintomatici e familiari sull’adozione di misure di protezione dalle punture delle zanzare
  • supporto tecnico ai Comuni per lo svolgimento delle attività di prevenzione, sorveglianza e controllo delle malattie da vettore
  • proposta ai Comuni di adozione Ordinanza per attività di prevenzione e contrasto alle zanzare rivolta alla popolazione e a soggetti pubblici e privati, strutture sanitarie e socio-assistenziali, nonché alle imprese ed ai responsabili di aree particolarmente critiche (cantieri, aree dismesse, piazzali di deposito, parcheggi, vivai ecc.) nonché soggetti gestori di aree periodicamente allagate
  • effettuazione attività di vigilanza sul rispetto delle Ordinanze
  • effettuazione della vigilanza igienico sanitaria sulle disinfestazioni straordinarie in attuazione del piano regionale arbovirosi (valutazione della sicurezza, verifica dei principi attivi, ecc.)
  • sorveglianza dei casi di malattia di West Nile nei cavalli: ricevimento segnalazione, esecuzione di prelievi per la conferma e indagine epidemiologica
  • sorveglianza dei virus West Nile e Usutu nell’avifauna selvatica: sorveglianza e monitoraggio sulle attività di cattura da parte dei cacciatori autorizzati, in collaborazione con gli Ambiti territoriali di caccia e la polizia Provinciale. Raccolta dei campioni e loro conferimento al laboratorio
  • organizzazione locale del sistema di monitoraggio con ovitrappole nel territorio dei 10 Comuni capoluogo di provincia
  • supporto al controllo di qualità dei trattamenti larvicidi su suolo pubblico

Cosa fanno i cittadini

La lotta alle zanzare non può avere esiti positivi senza un attivo coinvolgimento della popolazione. I siti a rischio di infestazione da zanzara tigre nelle aree pubbliche sono infatti solo il 20-30% del totale. Il rimanente 70-80% delle zone a rischio è di proprietà privata. E' quindi necessario che i cittadini mettano in atto misure di prevenzione e di trattamento nelle aree di loro competenza.
 Al sito della Regione zanzaratigreonline.it – Chi fa Cosa sono contenuti consigli utili e accorgimenti per prevenire la diffusione di questi insetti, proteggersi dalle punture e adottare le azioni corrette anche quando si viaggia.

Nell’ambito dei compiti attribuiti dal Piano regionale, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL sarà impegnato nella valutazione del monitoraggio della numerosità della zanzara tigre, nell’informazione al Comune ed ai cittadini, nel coordinamento delle azioni in caso di emergenze, etc. Compito della Polizia Locale e del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL di Ferrara sarà quello di vigilare sui corretti comportamenti  e sugli adempimenti agli obblighi contenuti nell’Ordinanza, nonché di prescrivere azioni di adeguamento o di applicare le sanzioni previste.

Per maggiori informazioni scaricare l’Ordinanza sindacale 2021 (allegato)
Ordinanza sindacale.pdf

Nell’ambito dei compiti attribuiti dal Piano regionale, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL sarà impegnato nella valutazione del monitoraggio della numerosità della zanzara tigre, nell’informazione al Comune ed ai cittadini, nel coordinamento delle azioni in caso di emergenze, etc...
Compito della Polizia Locale e del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL di Ferrara sarà quello di vigilare sui corretti comportamenti e sugli adempimenti agli obblighi contenuti nell’Ordinanza, nonché di prescrivere azioni di adeguamento o di applicare le sanzioni previste.

Sito Regionale: zanzaratigreonline
Video: https://drive.google.com/open?id=1WcpZIndApYkIXY27B032ioPAVnA1JMwt
In particolare, per sapere se le zanzare possono essere vettori di trasmissione del nuovo coronavirus Covid-19, vedere News ed Eventi.
 

Attenzione - Si ricorda che:
  • l’art. 15 del Regolamento d’Igiene e Sanità Pubblica Comunale P.G. 7160/2001, intitolato "Lotta agli insetti nocivi e molesti, disinfestazione e derattizzazione" punisce con la sanzione amministrativa da euro 75,00 a euro 450,00 ogni violazione alle prescrizioni sopra riportate;
  • l’art. 16 del Regolamento dei Polizia Urbana della Città di Ferrara P.G. 38976/2017, intitolato – “Contrasto alla diffusione delle zanzare” – punisce con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma di euro 150,00 chiunque violi le disposizioni del sopracitato articolo.
 

Per richiedere informazioni

Servizio Sanitario Regionale
Numero verde 800 033 033
Da lunedì a venerdì dalle 8:30 alle 17:30 - sabato dalle 8:30 alle 13:30
Gli operatori, se necessario, possono mettere in contatto l'utente con i dipartimenti di sanità pubblica delle aziende USL.
web: www.zanzaratigreonline.it


Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl di Ferrara
e-mail: zanzara.tigre[at]ausl.fe.it


Per informazioni sulle aree pubbliche

FERRARA TUA SRL - Servizio verde e DD
Sede legale: Via Borso, 1- 44121 Ferrara
Sede operativa Settore Parcheggi: Via J.F. Kennedy, 6 - 44121 Ferrara
telefono: 0532 230110
fax: 0532 230135
e-mail verde-dd[at]ferraratua.it
web: www.ferraratua.it


Per segnalazioni

URP
piazza del Municipio, 23 - 44121 Ferrara
Numero verde PRONTOCOMUNE 800 532 532
Lunedì - mercoledì - venerdì dalle 8:30 alle 13:30 , martedì e giovedì dalle 8:30 alle 16:30
fax: 0532 419571
L'ufficio riceve solo previo appuntamento a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19
e-mail: urp[at]comune.fe.it
sito web www.comune.fe.it/urp



NELLA DIGITAZIONE DELL'INDIRIZZO E-MAIL SOSTITUIRE [AT] CON @





Sei il visitatore n. 39777
Ultima modifica: 14-06-2021 - Revisione completa: mag. 2021
REDAZIONE: URP
EMAIL: urp@comune.fe.it