Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Notizie precedenti


4/8/09
Temporanea interruzione dei dati di qualità dell'aria
Si informa che a partire da martedì 4 agosto saranno realizzati lavori di aggiornamento del software di gestione dati della qualità dell'aria di ARPA Emilia Romagna. Durante tali lavori non sarà possibile produrre i bollettini quotidiani sul web.
14/7/09
Comunicato stampa Progetto Operativo di Bonifica Falda Confinata
- Tavola 1 - Tavola 2 - Tavola 3 - Tavola 4 - Tavola 5 - Tavola 6 - Tavola 7
2/4/09
Materiale per il Concorso di Idee su Piazza Buozzi nella sezione Rapporti Ambientali
4/3/09
"Quadrante est": il documento della Commissione Regionale sulla situazione ambientale dell'area Problematiche ambientali dell'area destinata ad asilo nido in Via del Salice nel Comune di Ferrara
26/5/08
Quattro centraline per la misura in continuo del rumore di via Carlo Mayr sono state installate tra Febbraio e Marzo per caratterizzare approfonditamente il clima acustico della zona. Il rapporto conclusivo della campagna di misurazione, svolta dal Consorzio Ferrara Ricerche su incarico del Comune, consentirà valutazioni tecniche oggettive finalizzate alla definizione di adeguate misure di mitigazione
13/5/08
Esito gara cottimo fiduciario - indagini geognostiche e realizzazione piezometri a Ferrara - Via Carretti - Via Frutteti - Via del Melo - importo a base d'appalto euro 28.200,00 - apertura 10 marzo 2008.
Ditte invitate 5 - Ditte partecipanti 3
ESITO: 1^ classificata PERGEO s.r.l. (Corlo - FE) ribasso offerto del 17,07% per un importo di aggiudicazione di euro 23.385,38 al netto degli oneri di sicurezza ed IVA 20% (Determina n. 8 di P.G. n. 38790/08 esecutiva l'8/5/08)
2^ classificata VICENZETTO s.r.l. (Villa Estense - PD) ribasso offerto 3,95%
3^ classificata SONGEO s.r.l. (Ferrara) ribasso offerto 2,97%
17/4/08
REMTECH EXPO 2008 - 2° Salone sulle Bonifiche dei Siti Contaminati
24 - 25 - 26 settembre 2008 presso il Quartiere Fieristico di Ferrara
Per informazioni:
Segreteria Organizzativa: tel. 0532-909495 - info@remtechexpo.com
26/3/08
Dopo la pubblicazione della prima parte dell'indagine (Rapporto ISTISAN 07/3, vedi anche sezione rapporti ambientali), ecco gli approfondimenti sui comportamenti e abitudini alimentari dei ferraresi. L'Istituto Superiore di Sanità ha infatti pubblicato il Rapporto ISTISAN 08/2, che valuta in particolare l'esposizione ai contaminanti ambientali presenti nei cibi. Ricordiamo che l'indagine ha coinvolto, in due riprese, 300 famiglie di cui è stato attentamente seguito il regime alimentare per una settimana.
WORKSHOP
"La gestione ambientale del Polo Chimico e Industriale di Ferrara"

FERRARA, 14 dicembre 2007
Polo Chimico e Industriale, Piazzale Donegani, 12 - Sala BASELL Building K249
Modulo di partecipazione
PROGETTO FE 102
"Misure per la diffusione di sistemi di gestione ambientale secondo il
Regolamento CE 761/2001"
27/11/07
Presentazione dell'Accordo di Programma per la riqualificazione del Polo Chimico
27 novembre a Pontelagoscuro, 29 novembre a Porotto, 6 dicembre a Barco: nel Volantino i dettagli.
Questo il testo dell'Accordo che viene illustrato alle assemblee in previsione della firma all'inizio del 2008. Il testo dell'Accordo del 2001 si trova sul sito dell'Osservatorio Chimico Nazionale
2/10/07
La Scuola EMAS dell'Università di Ferrara organizza un Master di Secondo Livello sui Sistemi di Gestione Ambientale secondo il regolamento EMAS, destinato alle Pubbliche Amministrazioni e alle Attività dei Servizi Sanitari. Dettagli
16/8/07
Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) ai sensi della L.R. 9/99 e successive modifiche, per attività produttiva: realizzazione di parco tematico con principale attività svolta rivolta alla guida sicura, in Chiesuol del Fosso (FE), Via Coronella, 114
17/7/07
Bando per incentivi comunali solare termico
In data 17/07/2007, la Giunta Comunale ha approvato un bando relativo all’erogazione di contributi per l’installazione di impianti solari termici in edifici residenziali.
Possono beneficiare del contributo le spese sostenute nell’anno 2007.
Le domande devono essere presentate al Servizio Ambiente del Comune di Ferrara via G. Marconi 39-44100 Ferrara -Telefono 0532/418815 entro e non oltre le ore 13.00 del 03/03/2008.
5/6/07
Controllo sismico del territorio
20/4/07
Convegno "Dal Locale al Globale. Piani d'azione per il clima"
Ferrara 10 - 11 maggio 2007 - Università di Ferrara Aula Magna Facoltà di Ingegneria Via Saragat n. 1, Ferrara. Scadenza iscrizione 4 maggio 2007 - (partecipazione gratuita) Brochure
Informazioni:
Cinzia Callegari - tel. 051 6223800 - e_mail: ccallegari@arpa.emr.it
Maria Serena Fabbri - tel. 051 6223846 - e_mail: msfabbri@arpa.emr.it
REMTECH - 1° Salone sulle Bonifiche dei Siti Contaminati
26 - 27 - 28 settembre 2007 presso il quartiere fieristico di Ferrara
brochure parte prima - brochure parte seconda
Per prenotazioni ed informazioni:
Segreteria Organizzativa: tel. 0532-909495 - 0532-900713
info@ferrarafiere.it - info@remtechexpo.com - www.remtechexpo.com
24/1/07
Aggiornamenti sul sito di Via Caretti
Gli uffici del Servizio Ambiente si sono trasferiti da Viale Alfonso I D'Este n. 17 a Via Marconi n. 37/39 (ex sede ACOSEA).
NUOVI NUMERI TELEFONICI
Piano d'Azione "Ambiente e Futuro Sostenibile" emerso dal Forum dell'Agenda 21 Locale della Provincia di Ferrara e del Comune di Ferrara
22/11/06
Progetto ADRIA SAFE - Sottoprogetto FIDEP. Programma Comunitario Interreg III A Transfrontaliero Adriatico Progetto
Il Comune di Ferrara, congiuntamente alla Provincia di Ferrara, si è reso promotore dello Studio "Affinamento dell'effluente finale del depuratore delle acque reflue della Città di Ferrara e suo scarico nel Po Grande" realizzato con la collaborazione dell'Università degli Studi di Ferrara e finanziato dal Programma Comunitario Interreg III A Transfrontaliero Adriatico.
Si terrà in merito un Convegno di presentazione del lavoro svolto Venerdì 24 novembre 2006 alle ore 9,30 presso la Sala del Consiglio della Provincia di Ferrara, Castello Estense - Largo Castello 2, Ferrara. Programma del Convegno - brochure
20/10/06
Elettromagnetismo
Avviso al pubblico della presentazione delle domande di autorizzazione per installazione apparati sistema DVB-H, nuovi impianti fissi di telefonia mobile e di modifica impianti esitenti, con relativo deposito per la libera visione. Inrormazioni e documentazione
21/6/06
Autorizzazione Integrata Ambientale S.F.I.R. S.p.A Zuccherificio di Pontelagoscuro
E' avviata la procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale per lo stabilimento S.F.I.R. di Pontelagoscuro. La pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna è stato effettuata in data 21 giugno 2006. La Procedura è di competenza dell'Amministrazione Provinciale Servizio Risorse Idriche e Tutela Ambientale. Il Comune di Ferrara deve esprimersi in merito entro il 21 agosto 2006. Il progetto è in visione presso il Servizio Risorse Idriche e Tutela Ambientale della Provincia di Ferrara; entro il 21 luglio 2006 devono essere presentate, in forma scritta direttamente al Servizio competente dell'Amministrazione Provinciale (C.So Isonzo, 105), eventuali osservazioni al progetto.

8/5/06
La Giunta Comunale approva progetti di bonifica e piani di caratterizzazione nel territorio ferrarese
Il 27 Aprile 2006 la Giunta ha approvato il Progetto Preliminare di Messa in Sicurezza Permanente della discarica ex. Monteco e Bonifica della falda superficiale. Il sito di proprietà di Syndial S.p.A. ha un estensione di circa 2 ettari e si trova all'interno dello stabilimento multisocietario Petrolchimico di Ferrara. E'ubicato al limite Nord Ovest dello stabilimento (inquadramento area). La discarica dal 1977 è stata adibita a discarica di ceneri e scorie dell'inceneritore della Società Montepolimeri S.p.A. L'area è già stata soggetta a intervento di messa in sicurezza mediante capping con sistema perimetrale di captazione acque meteoriche, approvato dalla amministrazione Provinciale il 1 Febbraio 1991. La falda superficiale risulta contaminata da metalli pesanti, organoclururati alifatici e solfati (vedi superamenti nelle acque). L'area è stata indagata in tutta la sua estensione tramite sondaggi, piezometri, Sondaggi Elettrici Verticali e Profili topografici, (vedi piezometri e sondaggi) per la definizione degli interventi di Messa in Sicurezza Permanente della discarica e bonifica della falda superficiale. Gli interventi previsti sono: Attenuazione Naturale o Bioremediation Assistita (mediante composti a rilascio di ossigeno) per la falda superficiale fino a bonifica e ripristino dell'area, palancolatura metallica e capping della discarica per la Messa in Sicurezza permanente della stessa. La verifica dello stato di contaminazione dei terreni della discarica è stata ottenuta mediante analisi dei gas con spazio di testa (vedi contaminazione terreni). I Piani di Monitoraggio e gli interventi in dettaglio verranno inseriti nel Progetto Definitivo.

28/4/06
Prende il via la ristrutturazione della rete microsismica del Comune. "Forse non tutti sanno che ...." il Comune di Ferrara dispone di una rete di sei sismometri dislocati nei pressi della città (mappa). La modifica delle normativa sulle telecomunicazioni ha reso necessario adeguare il sistema di teletrasmissione dei dati che risale al 1990, e che è stato messo in opera per monitorare da vicino la dinamica del campo geotermico di Casaglia. Fino ad oggi il sistema è stato gestito dal Servizio Ambiente del Comune, ma sono in corso contatti con l'Università per l'affidamento di alcuni servizi collegati. Nel frattempo, la giunta comunale ha approvato lo scorso 27 Aprile lo stanziamento di 37.000 Euro per la ristrutturazione del sistema.

27/04/2006
La Giunta Comunale affronta un nuovo caso di bonifica
Il 27 Aprile la Giunta ha approvato le integrazioni al Piano di Caratterizzazione relative al Punto Vendita carburanti Total Italia S.p.A. n° 4875 di Chiesuol del Fosso (FE).Total Italia in data 10/06/05, dopo aver riscontrato un ammanco (perdita da un erogatore) di gasolio, che potrebbe aver provocato una situazione di pericolo concreto e attuale di superamento dei limiti definiti dal D.M. 471/99, ha immediatamente attuato misure di messa in sicurezza di emergenza e fatto notifica ai sensi dell'art.7. Sullo stesso sito è già attivo un procedimento di bonifica (è dell'11/11/03 l'Atto di Giunta che approva il Progetto Definitivo) in seguito alla rottura di una valvola di intercettazione in una tubazione di benzina super con conseguente spargimento di prodotto nel sottosuolo. Il sistema di bonifica (bioslurping), implementato per intervenire sia sul terreno sia sulle acque sotterranee del sito, contaminate da idrocarburi, è stato avviato il 02/02/04 ed attualmente è ancora attivo.
La Ditta non ha quindi presentato un Piano di Caratterizzazione bensì le integrazioni a quello già approvato per lo stesso sito con Atto di Giunta del 12/02/02.

27/12/2005
La Giunta Comunale approva la convenzione con il Consorzio Ferrara Ricerche per ulteriori investigazioni a Pontelagoscuro
La Giunta ha affidato al C.F.R. (il cui socio di riferimento è l'Università di Ferrara) l'incarico di completare lo studio del territorio contaminato, nella falda profonda, da Cloruro di Vinile (CVM). Le ricerche si integrano con quelle già finanziate nel 2004, ed hanno lo scopo di accertare con maggior precisione l'estensione dell'inquinamento, di risalire se possibile alla sua fonte primaria, e di verificare quali siano le condizioni fisico chimiche in sito. Quest'ultima verifica potrebbe portare alla definizione della tecnica di rimedio più efficace, in vista della progettazione definitiva della bonifica. I lavori si estenderanno almeno fino all'autunno del 2006. Il contratto, da 75.000 Euro di valore complessivo, viene gestito dall'Ufficio Bonifiche del Servizio Ambiente.

20/12/2005
La Giunta Comunale approva un nuovo progetto di bonifica
Il 20 Dicembre la Giunta ha approvato sia il Piano di Caratterizzazione sia il Progetto di Bonifica vero e proprio della porzione dell'area di Servizio Po Ovest, presso il casello autostradale di Ferrara Nord di pertinenza ERG. Infatti il 20/09/2005 la Giunta aveva già approvato il Piano di Caratterizzazione e il Progetto di Bonifica vero e proprio della parte dell'area di Servizio di pertinenza API.

12/12/2005
L'Agenzia d'Ambito Ottimale per i Servizi Pubblici di Ferrara - A.T.O. 6 - in cui sono rappresentate le singole Amministrazioni comunali appartenenti all'ambito provinciale, ha approvato il "Regolamento per la disciplina del servizio di gestione dei rifiuti urbani ed assimilati, lo Schema di carta del servizio per la disciplina del servizio di gestione rifiuti urbani" e il "Regolamento del servizio idrico integrato con relativo Schema di carta del servizio per la disciplina del servizio idrico integrato".
Attraverso un unico regolamento sarà possibile realizzare una gestione uniforme sia del Servizio Gestione Rifiuti Urbani che del Servzio Idrico Integrato all'interno dell'ambito provinciale ferrarese.

29/11/2005
La Giunta Comunale approva progetti di bonifica e piani di caratterizzazione nel territorio ferrarese
Il 29 Novembre la Giunta ha approvato i Progetti Preliminari di Bonifica della Zona 7 di proprietà Syndial e dell'area di proprietà Yara all'interno dello stabilimento multisocietario "ex Montedison", sulla base delle indicazioni della Conferenza di Servizi.
Il primo progetto riguarda la Zona 7 di proprietà Syndial, un'area con estensione pari a circa 4 ettari (inquadramento area), i cui terreni sono risultati contaminati da Cobalto e Nichel (vedi superamenti nei suoli), così come le acque di falda (vedi superamenti nelle acque). L'area è stata accuratamente indagata per tutta la sua estensione (vedi piezometri e sondaggi) per la definizione degli interventi di bonifica, che consistono nella rimozione del terreno contaminato e nel monitoraggio dell'attenuazione naturale nelle acque di falda.
Il piano di monitoraggio per l'attenuazione naturale della contaminazione in falda così come gli obiettivi di bonifica verranno definiti nel Progetto Definitivo di bonifica.
Il secondo progetto è inerente alla proprietà Yara, che interessa un'area di dimensioni pari a circa 37.5 ettari; l'area è stata accuratamente indagata (vedi sondaggi e piezometri) per la definizione dello stato di contaminazione e ne è risultata una contaminazione dei suoli dovuta a Mercurio, Idrocarburi pesanti e Cromo totale e delle acque di falda dovuta a Metalli e Xileni (vedi superamenti nei suoli e nelle acque). Gli interventi di bonifica previsti consistono nella rimozione dei terreni più superficiali contaminati e nell'Attenuazione Naturale assistita (mediante composti a rilascio di ossigeno) per i terreni più profondi; le acque di falda verranno bonificate dagli Xileni mediante Attenuazione Naturale assistita (mediante composti a rilascio di ossigeno), mentre i Metalli saranno controllati con il monitoraggio dell'Attenuazione Naturale.
Nella stessa seduta la Giunta, sempre in base alle indicazioni della Conferenza di Servizi, ha approvato i Piani di Caratterizzazione di 3 Punti Vendita carburante.
Il primo Piano di Caratterizzazione è inerente al distributore AGIP di via Pomposa 162, la cui attività è cessata il 01/09/01. Il Punto Vendita occupa un'area 1500 mq (inquadramento area). A seguito della rimozione dei serbatoi di carburante sono stati prelevati campioni dalle pareti e dal fondo degli scavi: questi sono risultati contaminati da Idrocarburi leggeri e pesanti e da Composti Aromatici. Il piano prevede quindi indagini di caratterizzazione del sito consistenti in 5 sondaggi spinti a 10 metri di profondità e altrettanti piezometri pescanti nella falda superficiale. Le analisi eseguite sui campioni prelevati saranno volte alla ricerca di Idrocarburi, Composti Aromatici, MTBE e Piombo.
Il secondo Piano di Caratterizzazione riguarda il distributore AGIP di Corso Isonzo 1, attualmente non in attività, che interessa un'area 225 mq (inquadramento area). I campioni prelevati dalle pareti e dal fondo degli scavi a seguito della rimozione dei serbatoi di carburante sono risultati contaminati da Idrocarburi leggeri e da Composti Aromatici. Le indagini di caratterizzazione del sito previste dal piano sono costituite da 5 sondaggi spinti a 10-15 metri di profondità e da altrettanti piezometri pescanti nella falda superficiale. Sono inoltre previsti altri 5 sondaggi spinti a 5 metri di profondità. Le analisi eseguite sui campioni prelevati saranno volte alla ricerca di Idrocarburi, Composti Aromatici, MTBE e Piombo.
Il terzo Piano di Caratterizzazione approvato riguarda il distributore Esso di via Padova 3 (inquadramento area), la cui attività è cessata nel 2004. A seguito della rimozione dei serbatoi di carburante sono stati prelevati campioni dalle pareti e dal fondo degli scavi, risultati contaminati da Idrocarburi leggeri e pesanti, da Composti Aromatici e da MTBE. Il piano prevede quindi indagini di caratterizzazione del sito consistenti in 5 sondaggi spinti fino ad intercettare la falda freatica e altrettanti piezometri pescanti nella falda superficiale. Le analisi eseguite sui campioni prelevati saranno volte alla ricerca di Idrocarburi, Composti Aromatici, MTBE e Piombo.

27/9/2005
La Giunta Comunale approva due progetti di bonifica per il Petrolchimico
Il 27 Settembre la Giunta ha approvato i Progetti Preliminari di Bonifica della Zona 5 e delle zone 1-10, aree di proprietà Syndial all'interno dello stabilimento multisocietario "ex Montedison", sulla base delle indicazioni della Conferenza di Servizi.
Il primo progetto riguarda la Zona 5, un'area di circa 3 ettari di superficie (vedi Inquadramento area zona 5), i cui terreni sono risultati contaminati da IPA, Mercurio e Rame (vedi Superamenti terreni zona 5), mentre nelle acque di falda è stata riscontrata contaminazione da Idrocarburi Clorurati (vedi superamenti acque zona 5). L'area è stata accuratamente indagata per tutta la sua estensione per la definizione degli interventi di bonifica, che consistono in rimozione del terreno contaminato da IPA e in ossidazione chimica in sito per la bonifica dalla falda contaminata (vedi ubicazione interventi zona 5). Per il corretto dimensionamento degli impianti per la bonifica verranno eseguiti test pilota prima della presentazione del Progetto Definitivo di bonifica.
Il secondo progetto è inerente alle Zone 1-10, che interessano un'area di dimensioni pari a circa 25 ettari (inquadramento area zone 1-10); l'area è stata accuratamente indagata (vedi piezometri 1-10 e sondaggi 1-10) per la definizione dello stato di contaminazione e ne è risultata una contaminazione dei suoli dovuta a Arsenico, Mercurio, BTEXS, Idrocarburi e Solventi Clorurati e delle acque di falda dovuta a Metalli, Benzene e Idrocarburi. Gli interventi di bonifica previsti consistono in estrazione multifase con impermeabilizzazione superficiale per la bonifica dei terreni contaminati da Solventi Clorurati e Pump & Treat nei punti con le concentrazioni più elevate di BTEXS in falda. (ubicazione interventi zone 1-10). Sono previsti test pilota per l'ottimizzazione delle opere, che saranno quindi dimensionate in modo completo nel Progetto Definitivo.

20/9/2005
La Giunta Comunale affronta tre progetti di bonifica
Il primo tratta del piano di caratterizzazione per la bonifica dell'area dell'ex distributore di carburanti TotalItalia di Viale Po 29, che è stato approvato con alcune prescrizioni.
Il secondo progetto vede approvati sia il Piano di Caratterizzazione sia il Progetto di Bonifica vero e proprio. Anche qui abbiamo un distributore di carburanti che viene però ristrutturato: si tratta dell'area di Servizio Po Ovest, presso il casello autostradale di Ferrara Nord. Per entrambi questi progetti, come è piuttosto comune in casi analoghi, la contaminazione deriva dalle perdite da tubazioni e serbatoi di carburante di vecchia realizzazione, in cui la corrosione dovuta al tempo creava perdite. Le nuove installazioni, per inciso, sono dotate strutture a doppia parete che offrono garanzie di tenuta assai superiori.
La Giunta ha infine approvato il Progetto Preliminare di Bonifica della Zona 2 di Syndial, all'interno dello stabilimento multisocietario "ex Montedison", seguendo le indicazioni della Conferenza di Servizi. L'intera Zona 2 copre circa 4,5 ettari (inquadramento area), mentre l'area direttamente interessata da bonifica (estrazione multifase con impermeabilizzazione superficiale in un punto; Pump & Treat in un altro punto) è assai più limitata (ubicazione interventi). L'area, contaminata soprattutto da Benzene e suoi congeneri (vedi superamenti nei suoli) è stata accuratamente indagata per tutta la sua estensione (vedi piezometri e sondaggi) per la definizione dell'intervento. Sono previsti test pilota per l'ottimizzazione delle opere, che saranno quindi dimensionate in modo completo nel Progetto Definitivo.

02/9/2005
Il Comune cerca un ingegnere esperto in materie ambientali
Il Servizio Ambiente del Comune ha avviato la procedura per la selezione di un ingegnere esperto in materia ambientale con esperienza lavorativa, in grado di collaborare con il dirigente del servizio per il rilascio dei pareri ambientali più complessi, specie in materia di rumore. Il candidato dovrà essere in possesso della laurea in ingegneria, avere conoscenze informatiche di base, estese a sistemi GIS (ARCVIEW), e conoscenza delle normative e delle problematiche ambientali sulle quali il Comune ha competenza specifica, con particolare riferimento alla valutazione di impatto ambientale, acustica ambientale, sistemi di gestione ambientale (ISO 14000 o EMAS). La partecipazione a corsi di formazione specifica in materia ambientale, debitamente documentata, costituirà titolo preferenziale. Per questo tipo di ruolo è previsto un inquadramento di Funzionario Tecnico, con contratto a tempo determinato di alta specializzazione, ex art .110 D. Lgs n.267/2000. Gli interessati possono inviare entro e non oltre il 20 settembre 2005-curriculum dettagliato a: Comune di Ferrara - Servizio Ambiente - viale Alfonso I d'Este 17, 44100 Ferrara indicando sulla busta chiusa "Selezione Ingegnere Servizio Ambiente".

23/8/2005
Approvati dalla Giunta Comunale altri due Progetti Preliminari di Bonifica per il Petrolchimico
Dopo i due progetti approvati lo scorso 9 Agosto, la Giunta Comunale ha espresso parere favorevole, con prescrizioni, su ulteriori due Progetti Preliminari di Bonifica presentati da Syndial (ex Enichem), dopo il consueto assenso della Conferenza di Servizi.
La "Zona 4", circa 6 ettari al margine sudoccidentale dello stabilimento, ha ospitato in passato gli impianti ABS e Hyprox, ormai dismessi e destinati alla demolizione. La contaminazione da idrocarburi aromatici (soprattutto benzene) presenti in alcuni punti della falda superficiale viene affrontata con la tecnica della "bioremediation assistita", con cui si iniettano nel suolo sostanze che rilasciano gradualmente ossigeno e potenziano l'attività decompositrice dei batteri del terreno (vedi inquadramento dell'area, indagini, e sito della bioremediation assistita).
Di circa 5 ettari di superficie, la "Zona 9" si trova nella parte Nord dello stabilimento multisocietario. Anche in questo caso è presente benzene, che viene trattato con la stessa tecnica (vedi inquadramento dell'area, indagini, e sito della bioremediation assistita).
Nelle sedute delle prossime settimane la Giunta completerà l'approvazione di tutti i progetti preliminari di bonifica del sito.

11/8/05
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 5 Agosto il Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 28 Luglio 2005, che introduce un diverso regime per l'incentivazione del fotovoltaico. Anche se con meccanismi piuttosto complessi, il Decreto stabilisce che il KWh elettrico prodotto con impianti solari potrà essere ceduto alla rete elettrica nazionale al prezzo di 0,49 Euro, per un periodo di venti anni, per le domande inoltrate nel 2005 e 2006. Prezzi in calo per le domande inoltrate successivamente.


Per la prima volta si dà il via ad un decreto che incentiva l'installazione di 100 MW di impianti
fotovoltaici, e si pone come obiettivo da raggiungere i 300MW al 2015. Gli incentivi verranno concessi in conto energia (e non in conto capitale), arriveranno cioè con l'energia prodotta il cui surplus può essere venduto alla rete elettrica a tariffe incentivanti.Il nuovoprogetto del Governo apre la porta del solare oltre che al pubblico anche alle famiglie, ai condomini e ai privati che potranno installare impianti con procedure semplici ed agevoli. Il decreto stabilisce, inoltre, una differenziazione tra le tipologie di impianti: piccoli (meno di 20kW), medi (tra 20-50 kW) e grandi (più di 50 kW). Per avere diritto all'incentivo l'impianto dovrà essere esercito e mantenuto da parte del proprietario o dal condominio che potrà poi vendere la produzione di energia in eccesso alla rete ad una tariffa incentivante pari a circa tre volte la tariffa media di fornitura dell'energia elettrica. Gli incentivi sono stati scelti in modo tale da cercare di superare gli attriti che il mercato del fotovoltaico presenta oggi. Vedi anche la nota specifica del Governo.

10/8/05
La Giunta regionale approva il finanziamento di tre progetti del Comune in materia di siti inquinati
I progetti riguardano il completamento delle indagini preliminari per l'area del quadrante Est (zona di via Caretti: 145.000 Euro), indagini preliminari nell'area di Via del lavoro-Via Gulinelli (70.000 Euro), e l'impostazione di un sistema di gestione dei dati ambientali derivanti dalle attività di caratterizzazione (45.000 Euro). Quest'ultimo progetto sarà svolto in stretta collaborazione con la Provincia di Ferrara, che ha visto approvata una iniziativa di valore analogo. Tutti questi progetti sono stati finanziati con i fondi dedicati al Piano di Azione Ambientale 2004-2006, riferiti all'esercizio 2004.
In precedenza era stato approvato un altro progetto, destinato al completamento di attività per l'area di Pontelagoscuro, del valore di 75.000 Euro. Per quest'ultima iniziativa sono in corso le prime attività. Tutti i progetti sono cofinanziati da fondi comunali.
Complessivamente agli enti della Provincia di Ferrara sono destinati oltre 1.300.000 Euro di finanziamenti.
Oltre ai progetti di bonifica, è stato approvato anche una iniziativa riguardante la gestione delle Zone di Protezione Speciale - Siti di Interesse Comunitario di Porporana e Isola Bianca, proposti dal Museo di Storia Naturale, per un importo di poco superiore a 39.000 Euro.
Per i dettagli si rimanda alla Delibera Giunta Regionale 1307/2005.


9/8/2005
Approvati dalla Giunta Comunale due Progetti Preliminari di Bonifica per il Petrolchimico
La Giunta Comunale ha approvato, con prescrizioni, due Progetti Preliminari di Bonifica presentati da Syndial (ex Enichem), a seguito del parere favorevole espresso dalla Conferenza di Servizi. Va premesso che Syndial è proprietaria di un'area di circa 140 ettari all'interno del Polo Chimico, molto articolata per conformazione, uso attuale e stato di contaminazione. In accordo con la Conferenza, quindi, Syndial ha presentato dieci distinti progetti preliminari, che sono stati già tutti approvati in Conferenza, e che passeranno al vaglio della Giunta Comunale nelle prossime settimane (vedi nella sezione Rapporti ambientali lo stato dei procedimenti di bonifica nel Comune di Ferrara).
Il Progetto Preliminare "Zona 8" (Mappa Zona 8 Syndial) è il primo dei progetti di Syndial approvati dalla Giunta. Riguarda un'area di circa 45 ettari, nella parte Nord-Est dello stabilimento multisocietario, e si occupa dei terreni e della falda superficiale. Gli interventi di bonifica sono molteplici: bioremediation assistita per terreni e falda, e pompaggio e trattamento sempre per la falda. L'area più contaminata della zona è quella prossima al margine orientale dello stabilimento, che era sede di serbatoi di stoccaggio ormai smantellati da tempo. In quest'area la contaminazione da 1,2 Dicloroetano viene affrontata con estrazione multifase (Schema Two Phase Extraction, Schema Dual Phase Extraction) coadiuvata da iniezione di vapore. Questa tecnologia è adottata tenendo conto delle attività progettate per rimediare alla stessa contaminazione che ha raggiunto anche la falda confinata, oggetto della seconda approvazione della Giunta. Dall'approvazione del preliminare, Syndial condurrà diversi test pilota per mettere a punto i sistemi di bonifica nella maniera più efficace, cosa che consentirà di presentare il Progetto Definitivo nel volgere di 12-18 mesi. La durata delle operazioni di bonifica vere e proprie sarà definita in quest'ultimo ambito.
Il Progetto Preliminare "PZPEC023" riguarda la stessa contaminazione da 1,2 Dicloroetano della porzione orientale della Zona 8, di cui si è detto sopra. La falda confinata è interessata per un'area di circa 1,5 ettari nella parte più superficiale dell'acquifero, di spessore di circa 15 metri (l'intero acquifero confinato ha uno spessore circa doppio). Qui la tecnologia di bonifica prevede pompaggio dedicato (anche per controlare la diffusione dell'inquinamento) e iniezione di sostanze nutrienti. Queste ultime hanno lo scopo di potenziare l'azione dei batteri già presenti nel suolo, che progressivamente degraderanno il solvente in sostanze non inquinanti. Le indagini sul sottosuolo sono state condotte da ENITecnologie con la tecnica dei microcosmi (colture controllate in laboratorio che riproducono le condizioni reali), che hanno permesso di identificare numerose specie di batteri già in sito, adatte allo scopo (esempio: desulfitobacterium). Anche in questo caso sono previsti test pilota che porteranno al definitivo dimensionamento delle opere di bonifica vere e proprie.

21/7/2005
Finalmente in Gazzetta il D.Lgs. 11 maggio 2005, n. 133 di attuazione della direttiva 2000/76/CE, in materia di incenerimento dei rifiuti (vedi Supplemento Ordinario del 15/7/2005). Dal 30 luglio sarà dunque in vigore il nuovo testo unico sugli inceneritori.

19/7/2005
Approvato dalla Giunta Comunale il Progetto Definitivo di Bonifica (Fase 1) dell'Area Solvay
Ha ottenuto l'approvazione della Giunta il progetto definitivo di bonifica (fase 1) presentato dalla società Solvay chimica Italia Spa relativo all'area di proprietà della stessa situata in via Marconi. Il progetto definitivo rappresenta, dopo il piano di caratterizzazione e il progetto preliminare, l'ultimo dei tre livelli di approfondimento tecnico progressivo previsti dal decreto del '99 per gli interventi di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati. Assolte infatti tutte le prescrizioni stabilite con l'approvazione del progetto preliminare, la società ha predisposto il progetto definitivo che è stato analizzato dall'apposita Conferenza di servizi, la quale ha formulato parere favorevole all'autorizzazione. L'atto adottato dalla Giunta contiene una serie di prescrizioni ulteriori di cui Solvay dovrà tenere conto nell'esecuzione dell'intervento. La Fase 1 si concluderà nel volgere di circa due anni: i lavori includono il confinamento laterale e superficiale dei terreni contaminati e la realizzazione in sito di test pilota di specifiche tecniche di bonifica. I risultati dei test pilota potranno condurre al dimensionamento definitivo e alla progettazione della bonifica vera e propria prevista per la Fase 2, che si prevede possa operare per ulteriori dieci anni circa. Al termine definitivo della bonifica, la Fase 3 prevede un ulteriore periodo pluriennale di monitoraggio del sito. L'emungimento delle acque della falda confinata (profonda) proseguirà sia per la Fase 1 sia per la Fase 2: queste acque contaminate sono depurate a fondo in un impianto dedicato prima del rilascio nell'ambiente.

18/7/2005
Lanciato il progetto "Obiettivo 2" per la registrazione EMAS di ambito omogeneo del Polo Chimico di Ferrara
Si è tenuta la riunione preliminare di lancio del progetto "Misure per la diffusione dei Sistemi di Gestione Ambientale secondo il Regolamento EMAS 761/01", finanziato con fondi Obiettivo 2. Il progetto si propone di conseguire la registrazione secondo il protocollo EMAS per l'Ambito omogeneo delle Imprese del Polo Chimico ferrarese. Il promotore del Sistema di Gestione Ambientale "di sito" sarà direttamente il Comune. Alla riunione hanno partecipato tutte le imprese insediate nel Polo. Consulenti del Comune in questa iniziativa sono l'ERVET S.p.A. e l'Istituto Delta s.r.l., società spin-off dell'università. La conclusione del progetto è prevista per la primavera 2007.

15/7/2005
Disponibili i dati per la discussione della fase conoscitiva del "Piano Aria" provinciale
E'consultabile sul sito internet della Provincia il piano di tutela e risanamento dell'aria, sul quale l'amministrazione chiede il contributo di cittadini ed associazioni. Chiunque lo desideri potrà richiedere anche una copia cartacea del documento (presso il Servizio Ambiente di Corso Isonzo n. 105/a, gli URP dei Comuni e le circoscrizioni), e quindi inviare osservazioni e proposte via fax allo 0532/299553.
Da settembre inizieranno le consultazioni sul territorio.

12/7/2005
Corso sulle vibrazioni negli ambienti di lavoro e negli edifici
Organizzato dalla scuola di acustica del nostro Ateneo, si terrà dal 19 al 22 settembre, il corso "Vibrazioni trasmesse all'uomo negli ambienti di lavoroe negli edifici: la Direttiva 2003/44/CE e la norma UNI 961". Informazioni

11/7/2005
Undicesimo corso di formazione per tecnici in acustica, presso l'Università di Ferrara
Sono aperte le iscrizioni all'11° corso di formazione o perfezionamento per tecnici in acustica dell'anno accademico 2005 - 2006 presso la nostra Università. L'attestato rilasciato al termine del corso, superato l'esame finale, costituisce titolo che può essere valutato al fine dell'iscrizione all'elenco dei Tecnici Competenti in Acustica (vedi delibera della Giunta Regionale 1203 del 8 luglio 2002). Il corso si tiene presso la Facoltà di Ingegneria, Via Saragat, 1.Informazioni

8/7/2005
Disponibile la seconda fase dello studio dell'Istituto Superiore di Sanità sull'esposizione dei cittadini ferraresi alla contaminazione atmosferica
E' stato pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità il rapporto "Studio di valutazione dell'esposizione inalatoria a contaminazione atmosferica nella città di Ferrara. Seconda fase" (Rapporto ISTISAN 05/9). La prima fase dello studio è già stata pubblicata come Rapporto ISTISAN 03/19.
L'intero lavoro è stato promosso dal Comune di Ferrara nel 2003, che ne ha finanziato una parte.
A segito della prima fase riguardante l'esposizione alla contaminazione atmosferica, nel 2004 è stato conferito un ulteriore specifico incarico all'ISS per la valutazione dell'esposizione a contaminazione ambientale legata alle abitudini alimentari dei ferraresi. I primi risultati di questa ulteriore indagine, che ha coinvolto circa 300 famiglie, doverbbero essere disponibili a inizio 2006.

5/7/2005
Ancora tre settimane per partecipare al bando nazionale di Servizio Civile.
Il Servizio Ambiente è direttamente coinvolto nel progetto Mappare l'Ambiente (4 posti disponibili), uno dei tre progetti approvati per il Comune di Ferrara.
Dettagli

20/6/2005
Nuovi orari per la raccolta dei rifiuti solidi urbani a mezzo sacchi a perdere
Ultima modifica: 28-01-2015
REDAZIONE: Alessandro Spadoni
EMAIL: a.spadoni[at]comune.fe.it