Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Raccolta differenziata

Raccolta differenziata: imprescindibili azioni di responsabilità sociale.

La materia dei rifiuti è sempre più d'attualità: le modalità di smaltimento sono, senza dubbio, diverse. Un imballaggio complesso ad esempio, al momento di buttarlo, scegliamo di assimilarlo alla carta o alla plastica? Ancora: possiamo gettare le lampadine già usate nella campana del vetro?.
All'apertura del frigorifero, vedendo tutto quello che contiene, siamo assaliti dai dubbi su come scartare pacchi e confezioni: quale criterio seguire in queste circostanze?
Anche il Legislatore è intervenuto per disciplinare tale materia. Da dicembre 2010 il privato che abbandoni rifiuti per strada, in mare o nei fiumi può incorrere in una sanzione di 600 euro (DL.gs 152/06).

Il riciclo e la raccolta differenziata, scorrono su due binari paralleli: se il riciclo è proficuo allora la raccolta sarà ottima. Obiettivo principale è la qualità: senza di essa ci sarebbe una falsa partenza. La corretta gestione della raccolta e del riciclo realizza il "triangolo della sostenibilità", (l'ambiente, l'aspetto sociale e l'economia, sono elementi di egual valore che devono essere bilanciati, conciliati o conservati), ovvero, riciclare, significa trasformare i rifiuti in risorse.
Differenziare in modo corretto non giova solo all'ambiente, ma anche alle tasche dei cittadini, a legge prevede che dai costi del servizio di raccolta differenziata, che vanno a determinare la tassa del servizio di igiene urbana, vengano detratti sia i contributi che gestori e Comuni ricevono dal Conai sia i ricavi derivanti dalla vendita dei materiali

Vediamo ora alcuni esempi di corretta raccolta differenziata e consigli generali.

I. La carta da pacchi e i cartoni usati per confezionare i regali, ben piegati e ridotti di volume, vanno conferiti insieme a "carta e cartone" ;
II. Nastri da imballaggio e carta plastificata vanno buttati con i "materiali non riciclabili";
III. La bottiglia di vino, vuotata e sciacquata, va conferita nel "multi materiale", vale a dire contenitori in vetro, plastica e metalli;
IV. Il tappo in sughero, deve essere buttato con i "materiali non riciclabili";
V. Le bottiglie di plastica devono essere schiacciate e ridotte di volume prima di essere conferite nel "multi materiale";
VI. Anche le lattine, dopo essere state schiacciate, vanno nel "multi materiale" ;
VII. Gli scarti alimentari (avanzi di cibo, frutta e verdura) vanno separati e conferiti in maniera differenziata, ove questa esiste.
VIII. Piatti, posate e bicchieri di plastica, che si consiglia di usare in modo contenuto, sono materiali non riciclabili e per questo vanno gettati nell'"indifferenziato";

Questi, i consigli in generale:

1. Separare per riciclare: imballaggi e rifiuti vanno divisi in relazione al materiale di cui sono fatti e collocati nell'apposito contenitore per la raccolta differenziata. Con una corretta separazione all'origine è più facile il recupero e il riutilizzo dei materiali utilizzati nei prodotti che si buttano.
2. Ridurre i volumi: per non occupare troppo spazio in casa o all'interno dei contenitori e migliorare il servizio di raccolta è consigliabile ridurre il volume degli imballaggi o delle confezioni. Ad esempio schiacciare le lattine e le bottiglie di plastica (in modo orizzontale per facilitare la lettura del polimero in fase di riciclaggio).
3. Dividere i materiali: se si ha di fronte un imballaggio complesso come buste di carta con la finestrella di plastica trasparente o barattoli di vetro con tappi in metallo, bisogna dividere i diversi materiali. L'obiettivo è minimizzare le impurità per poi riciclare la massima quantità di materiale.
4. Via cibi e residui: conferire rifiuti il più possibile puliti nei vari contenitori per la raccolta differenziata. Così facendo si ridurranno le quantità di materiale che vengono scartate. Infine eliminare dagli imballaggi gli scarti e i residui di cibo o altro materiale.

Questo è il link alla guida Il rifiutologo del gestore rifiuti urbani del Comune di Ferrara, HERA, che sul proprio sito, inoltre, per ogni rifiuto fornisce in tempo reale la modalità di smaltimento del rifiuto semplicemente digitandone il nome.


pdf Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.







Ultima modifica: 15-03-2016
REDAZIONE: Polizia Municipale
EMAIL: polizia.municipale@comune.fe.it