Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Promeco

SEDE
Via F. del Cossa, 18 - 44121 Ferrara
tel 0532/212169
fax 0532/200092
e-mail promeco@comune.fe.it
sito web www.comune.fe.it/promeco


PROMECO: IL NUOVO PROTOCOLLO D'INTESA.
Per L'U.O. nuovi partner contro il disagio giovanile.

Comune, Azienda Usl e Provincia di Ferrara alleati per il proseguimento delle attività di
prevenzione delle varie forme di disagio giovanile e del consumo di sostanze, ragazzi in classe contrasto del bullismo e promozione delle relazioni interpersonali.
Forte il coinvolgimento, in veste di nuovi firmatari, di altri soggetti del territorio: il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara, i Comuni di Cento e Codigoro,
In base all’accordo, della durata di tre anni, i firmatari saranno coinvolti da Promeco nella pianificazione dei propri progetti e attività di prevenzione in ambito scolastico ed extrascolastico. Protocollo d'intesa 2014



BULLISMO O PREPOTENZE?
Ragazzi a scuolaL’indifferenza tra gli individui è un fatto a cui assistiamo quotidianamente. La libertà delle scelte, dei comportamenti e dei valori di riferimento rende la nostra società «trasparente» rispetto ai principi dell’etica tradizionale. Quel che conta è assistere per esibire, non intervenire per soccorrere. Eppure gli affetti sono al centro della regolamentazione dei rapporti.
L’etica familiare contemporanea promuove sensibilità agli affetti della società ristretta ma non sempre riesce a promuovere un’etica sociale in senso ampio. In famiglia si mettono a punto regole specifiche, valide per il singolo nucleo ma non associate a valori assoluti... mai sottovalutare il bullismo (.doc) (Matteo Lancini, psicologo)

Per leggere la cronaca vai a Cronache e Commenti


GENITORI IN CERCA D'AIUTO. Sostegno alla pratica educativa delle famiglie

Ferrara, 16 maggio 2013
SALA BOLDINI - VIA PREVIATI, 18



La difficoltà a educare i propri figli è nota e comune a tutte le generazioni che si trovano ineluttabilmente a svolgere questo ruolo.
Oggi però la complessità delle relazioni sociali e le condizioni di oggettivo isolamento in cui si muovono i singoli e le famiglie determinano una situazione di incertezza che per molti versi rende ancor più difficile svolgere in modo adeguato il ruolo di genitori...
Il tema in discussione e le relazioni presentate nel corso dei lavori permetteranno agli operatori del settore e ai genitori che vorranno intervenire di far proprie esperienze e metodologie intradisciplinari utili a migliorare la qualità del lavoro svolto e le modalità dell'essere genitore.Un'occasione irripetibile di conoscere dagli altri per migliorare se stessi.
Tutte le informazioni su Promeco Convegni

prima pagina
GENITORI IN CERCA DI AIUTO. Sostegno alla pratica educativa della famiglia

Il ruolo della famiglia, ma sarebbe più esatto parlare di genitori non solo per rispetto delle coppie separate, ma anche per una questione di genere e per differenze oggettive di ruolo che ognuno gioca all’interno del processo educativo. E’ diventato necessità imprescindibile nel momento in cui i programmi di prevenzione realizzati dagli operatori di Promeco si sono pesantemente spostati verso forme di prevenzione indicata e selettiva.
In pratica nel momento in cui la pratica preventiva si è allontanata dalla simulazione della realtà, dalla dimensione didascalica e dall’informazione articolata in forme piùo meno sofisticate per affrontare e cercare di risolvere problemi concreti, la presenza dei familiari è diventata una necessità e per contro, da parte delle famiglie si è manifestato un interesse reale verso le proposte di Promeco. In pratica l’applicazione a sistema del progetto ‘Punto di Vista’ con una sostanziale attenzione alla soluzione dei problemi concreti ha costretti gli operatori ad allargare il proprio orizzonte operativo al di là dei confini della scuola.
Coinvolgere i famigliari ha significato lavorare su un contesto allargato, quello percepito dai ragazzi che ritrovando una propria completezza diventa, in teoria e negli aspetti pratici, più efficiente e maggiormente efficace.
Leggi tutto il documento...
Genitori in cerca di aiuto. Sostegno alla pratica educativa delle famiglie




Genitori e adolescentiCONSULENZA GENITORI
L’adolescenza dei figli richiede grandi cambiamenti anche da parte dei Genitori che possono scoprirsi fragili e inadeguati. In questa condizione la cosa più importante è non rinunciare alle proprie funzioni ma chiedere aiuto senza timori o vergogna.
PROMECO offre un servizio di consulenza gratuito a genitori di ragazzi con età compresa fra gli 11 e i 18 anni in difficoltà nella relazione con i figli.

Per appuntamento telefonare al 349 5482557
dal lunedì al venerdì, ore 12-17 o inviare mail a promeco@comune.fe.it

Per informazioni 0532 212169


Relazione annuale al Parlamento 20132013 - SOSTANZE STUPEFACENTI E TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA E IN EUROPA

Un fenomeno, prettamente mediatico, colpisce l’attenzione di chi si occupa di sostanze: la piaga della tossicodipendenza è debellata! Naturalmente il problema non è per nulla risolto ma nel frattempo si nota come sia quasi totalmente scomparso dai radar dell’informazione di massa.
Ad avere l’onore delle prime pagine sono, paradossalmente, le cosiddette ‘droghe legali’, alcol, tabacco, gioco d’azzardo; in pratica sono le cronache degli effetti collaterali - incidenti stradali, sul lavoro, morbilità, dissesti finanziari diffusi - a creare la notiziabilità, l’approfondimento, le iniziative di contrasto.
In attesa di un’inversione di tendenza pubblichiamo tre indagini relative al periodo 2012-2013. Le fonti permettono di indagare sia la trasformazione del mercato delle droghe, sia il fenomeno del consumo nonchè gli effetti collaterali da essi derivanti.
Un piccolo contributo di conoscenza che Promeco offre a quanti vorranno saperne di più confrontando dati e valutazioni che esprimono diversi approcci al tema sviluppando aspetti diversi da utilizzare come strumenti per tenere il passo con il rapido evolversi
della situazione collegate al mondo delle droghe per soddisfare, nei limiti del possibile, le crescenti esigenze e le mutevoli aspettative degli operatori.










LEGGE BALDUZZI
Dal 1° gennaio 2013 è vietata la somministrazione e la vendita di alcolici e tabacchi ai minori di 18 anni. Entra in vigore il "Decreto Balduzzi", ora trasformato nella Legge 8 novembre 2012, n. 189 sulla sanità, a suo tempo approvato da Camera e Senato.

IN SINTESI
Limitazioni vendita tabacchi - E' vietata la vendita dei prodotti da fumo ai minori di 18 anni (finora il limite era a 16 anni) con sanzioni per gli esercenti da 250 a 1.000 euro, che passano da 500 a 2.000 euro con la sospensione della licenza per tre mesi in caso di recidiva.

bicchiere alcolDivieto di vendita di alcol a minori - Chiunque vende bevande alcoliche ha l'obbligo di chiedere all'acquirente l'esibizione di un documento di identità, tranne nei casi in cui la maggiore età dell'acquirente sia manifesta. E' prevista una sanzione da 250 a mille euro a chiunque venderà alcol a minori e da 500 a 2 mila in caso di recidiva con la sospensione per 3 mesi dell'attività.

Giochi pubblici - Per i locali pubblici "e' vietata ai minori di anni 18 la messa a disposizione presso qualsiasi pubblico esercizio di apparecchiature che, attraverso la connessione telematica, consentano ai clienti di giocare sulle piattaforme di gioco messe a disposizione dai concessionari on-line."





Vent'anni di prevenzioneVent'anni di prevenzione
Promeco nasce ufficialmente con la pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale del 25 giugno 1991, dell’assegnazione dei finanziamenti del Fondo nazionale per la lotta alla droga della Presidenza del Consiglio dei Ministri. A Ferrara vengono assegnate le risorse per realizzare un “Servizio di promozione della comunicazione” finalizzato alla prevenzione dell’uso e abuso di sostanze.
Grazie alla determinazione dell’assessorato alla Sanità del Comune di Ferrara viene stilata una convenzione che regola le attività del nuovo servizio sottoscritta da Comune, Azienda USL e Provveditorato agli studi di Ferrara. Successivamente anche la Provincia di Ferrara entra a far parte del gruppo dei firmatari. Gli operatori, messi a disposizione dal Comune di Ferrara e dall’Azienda USL, avevano competenze specifiche in campo pedagogico, psicologico, educativo e sociologico.

2009-2011 Vent'anni di prevenzione





Report attività 2009-2011“Punto di vista”
è un progetto di prevenzione sperimentato e realizzato in numerose scuole secondarie di primoe secondo grado della provincia di Ferrara. Il report di attività raccoglie e descrive la teoria a cui fa riferimento,il programma, la metodologia e i primi risultati ottenuti durante il biennio 2009 /2011.
Il progetto si rifà alle indicazione dell’OMS e appartiene all’area degli interventi di prevenzione selettiva. Punto qualificante del progetto è la presenza costante di un operatore all’interno di ogni singola realtà scolastica con l’obiettivo di rispondere alle problematiche del gruppo classe o di carattere personale emerse da parte di studenti, insegnanti, genitori.
L’operatore attiva le potenzialità educative della scuola non sostituendosi ad essa.

Report Punto di Vista 2009-2011
Punto di vista. L'operatore a scuola. Report
Punto di Vista: Un Progetto di Sistema







Bullismo, linee guida per la prevenzione e il contrasto Bullismo, Linee Guida per la Prevenzione

Sono uno strumento di supporto ai docenti ,al personale scolastico e ai genitori pensato partendo dall’osservazione delle dinamiche di prevaricazione tra pari a scuola in gruppi adolescenti...





Numero verde antifumo 800 55 40 88Numeri Utili


Per approfondimenti, ulteriori indagini procedere ad un copia/incolla dell’indirizzo web riferito ai temi trattati. Per avere un panorama completo andare sul sito Istituto Superiore della Sanità o copiare l’indirizzo: http://www.iss.it/











biblioteca
Biblioteca

SERVIZIO MOMENTANEAMENTE SOSPESO - Promeco gestisce una biblioteca con oltre 700 testi specialistici divisi per aree tematiche. La consultazione e il prestito sono ora possibili previa consultazione della pagina dedicata sul sito Promeco.Tutte le informazioni necessarie sulla pagina, Regolamento. La connessione con Biblioteca Promeco permette inoltre l'accesso alla rete regionale delle biblioteche del progetto "Dip e Doc".





Informazioni utili: il software utilizzato consente la fruizione del testo ai non vedenti. Per apertura allegati seguire la procedura PPT


Visite sito: 33241
Ultima modifica: 17-04-2014
REDAZIONE: Promeco - Centro per la Promozione della Comunicazione
EMAIL: promeco@comune.fe.it
salta le informazioni sul Comune di Ferrara e vai al sommario delle sezioni di questa pagina
COMUNE DI FERRARA
Piazza del Municipio, 2 - 44121 Ferrara
Centralino: +39 0532 419111
Fax: +39 0532 419389
Codice fiscale: 00297110389