Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
sei in: Home > Guida ai servizi > Casa > Acqua, gas e teleriscaldamento > Gas: allacciamenti e contratti
salta i contenuti principali a vai al menu

Gas: allacciamenti e contratti

A CHI RIVOLGERSI:

HERA
Indirizzo: Via Cesare Diana, 40 Cassana - Ferrara
Tel. 0532 780111 fax 0532 780200
E-mail: info@gruppohera.it
Sito: www.gruppohera.it
Orario sportello clienti:
dal Lunedì al Giovedì dalle 8 alle 15 continuato
Venerdì dalle 8 alle 13

Per tutte le richieste di servizi e per informazioni:
"CONTACT CENTER"
800 999 500 (chiamata gratuita da telefono fisso)
199 199 500 (chiamata a pagamento da cellulare)
da lunedì a venerdì dalle 8 alle 18 - sabato dalle 8.00 alle 13

SERVIZIO EMERGENZE - PRONTO INTERVENTO 24 ore su 24:
Numero verde gratuito
GAS: 800 713 666
ACQUA, TELERISCALDAMENTO, FOGNATURE E DEPURAZIONE: 800 713 900

Per la modulistica: CLICCA QUI

Nuovo contratto Gas

Per stipulare un nuovo contratto di fornitura il cliente può:
- rivolgersi agli sportelli sul territorio
- inoltrare una domanda via posta, allegando la documentazione richiesta.

Non è possibile effettuare la domanda telefonicamente.
Perché una nuova fornitura possa essere attivata è necessario che l’allacciamento alla rete sia stato completato con la predisposizione dell’attacco.

La procedura di attivazione prevede che il cliente compili l’allegato H (conferma della richiesta di attivazione della fornitura di gas ) e faccia compilare dall’installatore l’allegato I (attestazione di corretta esecuzione dell’impianto). Si tratta di due moduli che vengono forniti al cliente da chi realizza l’impianto domestico.

I moduli correttamente compilati e la documentazione devono essere consegnati presso lo Sportello clienti oppure può anche essere spedita per posta.
Ricevuta la documentazione, l’azienda provvederà a fissare un appuntamento con il cliente per l’intervento del tecnico che attivi la fornitura entro 10 giorni.
Il contratto di fornitura viene spedito al cliente tramite posta. La copia che riporta la dicitura “copia da restituire firmata all’azienda”, dopo essere stata compilata e firmata, deve essere rispedita tramite busta preaffrancata entro 30 giorni dalla data di ricevimento.

L’allacciamento alla rete

Il cliente può ottenere un preventivo dei costi relativi all’allacciamento alla rete gas

La spesa varia a seconda che il cliente si trovi o no ad una distanza inferiore o uguale a 40 m dalla condotta principale / zona servita.
Il cliente riceverà il preventivo tramite posta. Per accettarlo, è necessario compilare e firmare la documentazione e consegnarla allo sportello Hera, oppure rispedirla nella busta pre-affrancata che riporta la dicitura ”Copia da restituire all’azienda”, entro 180 giorni dalla richiesta del preventivo stesso.
Hera eseguirà i lavori nei tempi prescritti dalla normativa dell’ Autorità per l’ energia elettrica e il gas.
Il cliente riceverà infine la fattura a mezzo posta, da pagare con bollettino postale premarcato oppure con bonifico bancario entro 20 giorni.

N.B. Al modulo di richiesta di parere all’allacciamento ai servizi pubblici va allegata, tra le altre cose, la planimetria catastale d’inquadramento del lotto

Subentro

Il cliente può cambiare l’intestazione di un contratto, per modificare il nominativo del titolare della fornitura o riattivare un impianto già utilizzato in precedenza.

I documenti da presentare per cambiare l’intestazione sono diversi a seconda che il contatore di riferimento sia aperto, cioè funzionante, oppure chiuso.

Documenti da presentare nel caso di contatore aperto:
- codice fiscale;
- destinazione d’uso;
- indirizzo di recapito della bolletta;
- indirizzo di ubicazione della fornitura;
- matricola del contatore oppure codice contratto del precedente intestatario;
- lettura del contatore;
- superficie;
- potenzialità/portata dell’impianto;

Nel caso di contatore chiuso, invece:
- codice fiscale;
- destinazione d’uso;
- indirizzo di recapito della bolletta;
- indirizzo di ubicazione della fornitura;
- matricola del contatore oppure codice contratto del precedente intestatario;
- superficie;
- potenzialità/portata dell’impianto;
- numero di telefono per l’appuntamento e presenza in loco di un referente.

Per riattivare la fornitura di gas, infine, è necessario procedere alla verifica di attivazione, attraverso la quale un tecnico Hera testa la tenuta dell’impianto del gas. La tenuta viene certificata da un modulo sottoscritto dall’operatore e dal cliente (Modulo di attivazione fornitura Gas) al momento dell’attivazione della fornitura.
Il contratto di riattivazione della fornitura viene spedito al cliente tramite posta. La copia che riporta la dicitura “copia da restituire firmata all’azienda”, dopo essere stata compilata e firmata, deve essere rispedita tramite busta preaffrancata entro 30 giorni dalla data di ricevimento.

Cessazione del contratto

L’intestatario del contratto può richiedere la cessazione della fornitura di gas, con conseguente piombatura del contatore e addebito dei consumi registrati fino al momento dell'effettiva interruzione dell'erogazione.

I tempi per la cessazione dell’erogazione dipendono dalla tipologia di contatore, e variano tra i 5 e i 7 giorni lavorativi.

I documenti da presentare per soddisfare la domanda sono:
- nome intestatario;
- ubicazione fornitura;
- codice contratto.

L’intervento di piombatura del contatore, e i costi relativi, possono essere evitati se al cliente succede un nuovo intestatario dell’utenza. In questo caso si può procedere al Subentro.

Problemi tecnici dei contatori Gas

Verifica contatore
Se il cliente ha motivo di ritenere che il proprio contatore non funzioni correttamente, può richiedere al Gruppo Hera una verifica dello strumento inoltrando una richiesta scritta a mezzo fax all’Ufficio Protocollo Hera (numero fax 0532 780.200) con l’indicazione dei dati identificativi della fornitura, specificando se richiede una verifica sul posto oppure presso un laboratorio certificato esterno.

Prima di rivolgersi all'azienda, è consigliabile però effettuare una prima verifica: chiudendo i rubinetti o gli interruttori degli apparecchi utilizzatori della fornitura sarà infatti possibile controllare se il contatore rileva comunque un consumo. In questo caso il maggior consumo può essere imputabile a problematiche dell’impianto e/o agli apparecchi collegati (caldaia, scaldabagno ecc.) e non al cattivo funzionamento del contatore.

Richiesta, invece, la verifica, il contatore potrebbe essere sostituito e inviato presso un laboratorio qualificato. Se il controllo accerterà il malfunzionamento, il Gruppo Hera non addebiterà al cliente alcun costo e rimborserà i consumi eccedenti dall'ultima lettura reale fatturata alla data della verifica. Se il funzionamento del contatore dovesse viceversa risultare regolare, spetterà al cliente pagare il costo della prova suddetta. Il costo varia in base al servizio e, nel caso del Gas, alla tipologia del contatore.
L'illeggibilità o il malfunzionamento del contatore possono essere altrimenti rilevati dagli stessi tecnici di Hera in occasione delle periodiche letture. In tal caso, gli operatori provvederanno a segnalare il problema all'azienda, che è tenuta a pulire o eventualmente a sostituire il contatore.


Ultima modifica: 01-02-2013 - Revisione completa dei contenuti: mag. 2011
REDAZIONE: U.R.P. - Informacittà
EMAIL: urp@comune.fe.it
salta le informazioni sul Comune di Ferrara e vai al sommario delle sezioni di questa pagina
COMUNE DI FERRARA
Piazza del Municipio, 2 - 44121 Ferrara
Centralino: +39 0532 419111
Fax: +39 0532 419389
Codice fiscale: 00297110389