Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Le Scuole come Beni comuni

Progetto partecipato della città di Ferrara
immagine laboratori genitori
"Le Scuole come Beni Comuni" è il progetto che l’Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie del Comune di Ferrara, sta portando avanti assieme a genitori, studenti e insegnanti nei nidi, nelle scuole dell’infanzia, nei Centri Bambini Genitori, nelle scuole primarie e nelle scuole secondarie di primo grado.

Nei due anni di progettazione sono stati approvati ventotto progetti su sessantatre presentati (36 da parte delle scuole primarie e secondarie e 30 da parte di nidi e scuole dell’infanzia), segno di un interesse e di una partecipazione crescente.

Si tratta di micro-progetti partecipativi che vedono il coinvolgimento diretto dei genitori nelle scuole con l’intento di apportare miglioramenti, proposte e momenti di incontro con la finalità di migliorare le strutture e di creare maggiore partecipazione e collaborazione tra scuole e genitori.

Alla base di questi micro-progetti vi è la necessità di rafforzare la cittadinanza attiva e la partecipazione dei genitori attorno e dentro le scuole, condividendo necessità comuni, rafforzando le basi dello “stare insieme” e del prendersi cura degli spazi pubblici frequentati dai bambini.

Nascono così progetti che vedono tante e diverse progettualità: interventi di tinteggiatura delle aule, realizzazione di murales esterni progettati dai bambini, valorizzazione degli spazi esterni, creazione di giochi in legno “dimenticati”, laboratori partecipati con il coinvolgimento non solo dei genitori ma anche dei nonni.

I ventotto micro-progetti partecipativi sono stati selezionati da una Commissione di valutazione che è stata chiamata a riunirsi a seguito della pubblicazione del bando. Le scuole vincitrici, hanno ricevuto un piccolo finanziamento che è stato utilizzato per coprire le spese necessarie per l’acquisto dei materiali occorrenti per i lavori di miglioramento.
Requisiti fondamentali per la valutazione dei micro-progetti sono stati, oltre alla dimensione partecipativa dei genitori, l’esistenza o meno di un co-finanziamento da parte dei soggetti proponenti, la pertinenza degli interventi proposti rispetto al concreto coinvolgimento dei genitori nella loro realizzazione, la qualità progettuale degli interventi proposti, nonché gli elementi di qualità educativa, sociale e comunitaria in essi presenti.

Il Comune di Ferrara partecipa con un piccolo finanziamento (circa 15.000 euro) a parziale copertura delle spese dei materiali necessari. I tanti e inaspettati progetti presentati, hanno infatti imposto una riduzione dei finanziamenti previsti per i progetti approvati, oltre che l’impossibilità di approvare un numero maggiore di progetti.

Nei mesi in cui verranno realizzati i progetti il Comune di Ferrara documenterà l’effettiva partecipazione dei genitori e gli esiti delle diverse progettualità, con l’intento di riproporre il bando il prossimo anno.

Riappropriarsi degli spazi, prendendosene innanzitutto cura, ha una forte valenza educativa nei confronti delle future generazioni che, oltre ad essere i soggetti che usufruiscono quotidianamente degli spazi scolastici, sono anche coloro che dovranno imparare più di tutti a valorizzare i beni comuni e a farne un uso rispettoso a beneficio della comunità.





Logo CPF
CENTRO PER LE FAMIGLIE
Piazza XXVI Maggio, 1 Ferrara
Referente progetto: dr.ssa Alessandra Goberti
tel. 0532 241365
e-mail: a.goberti@edu.comune.fe.it

Ultima modifica: 28-09-2016
REDAZIONE: Politiche familiari e Genitorialità
EMAIL: gift.unitadoc@comune.fe.it