Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Storia

Foto storica Le origini del Corpo di Polizia Municipale della città di Ferrara sono avvolte, inevitabilmente, nella nebbia, anche se è del tutto evidente che il Corpo affonda le sue radici direttamente nell'epoca delle prime milizie comunali e successivamente ducali: via Dei Quartieri è da sempre così chiamata proprio in quanto originaria sede dei "Quartieri" - cioè dell'accasermaggio - della Guardia Cittadina.

Relativamente agli atti ufficiali del neo costituito Regno d'Italia, le prime esaurienti notizie risalgono al lontano anno 1861, allorchè fu approvato dalla Giunta Comunale l'apposito regolamento che decretava l'istituzione delle "Guardie Municipali della Città di Ferrara".

Inizialmente composto da un Sergente, che svolgeva le funzioni di Comandante del Corpo, da un Caporale e da dieci "Comuni" ed organizzato alla stregua di un corpo militare, l'organico - come la stessa città - si è progressivamente ampliato sia dal punto di vista strettamente numerico che strutturale ed organizzativo.

Particolare curioso da segnalare è come questi primi "agenti" dovessero essere tutti rigorosamente di sesso maschile e scelti di preferenza fra gli appartenenti al Regio Esercito, essendo loro vietato nientemeno che essere sposati o sposarsi in seguito, durante il periodo di appartenenza al Corpo. Era inoltre loro richiesta la non comune capacità, per quei tempi, di saper leggere e scrivere, o comunque di avere "abilità nella redazione di un processo verbale o altro simile scritto".

Cominciò così la lunga avventura delle Guardie Municipali o Civiche, poi Vigili Urbani e dal 1986, Polizia Municipale.

Nonostante le immaginabili ed immancabili differenze, generate dagli oltre 140 anni di storia recente del Corpo, ai nostri predecessori era formalmente richiesto di associare, nell'esercizio delle loro funzioni, doti quali la "fermezza e l'urbanità verso tutti indistintamente", ancora oggi così attuali. Ad essi era altresì richiesto di "prestarsi costantemente in soccorso" ed aiuto dei propri concittadini, nonchè di fare rispettare l'osservanza delle leggi. E' esattamente il compito che il Corpo continua ad adempiere oggi.

Di seguito potete trovare una copia del Regolamento del Corpo risalente all'anno 1861, un album fotografico ed un interessante Prontuario di comunicazione visiva risalente all'anno 1967.
Quest'ultimo, redatto dal Vigile Urbano Geometra Sergio Farinella, era in dotazione agli appartenenti al Corpo e costituiva un utile strumento di comunicazione con cittadini di altre nazionalità.


Album fotografico

zip Regolamento del Corpo di Polizia Municipale - 1861 (2,2 Mb)

zip Prontuario di Comunicazione Visiva - 1967 (2,0 Mb)
Ultima modifica: 15-02-2013
REDAZIONE: Polizia Municipale
EMAIL: polizia.municipale@comune.fe.it