Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Un questionario per il PUMS

» Vai direttamente al questionario online

Cos'è il PUMS

PUMS significa Piano Urbano di Mobilità Sostenibile.
 
Il PUMS di Comunità pone al centro le persone e la soddisfazione delle loro esigenze di mobilità seguendo un approccio trasparente e partecipativo che prevede il coinvolgimento attivo dei cittadini e di altri portatori di interesse fin nel corso della sua definizione.
 
Per essere operativo, il PUMS ha bisogno, dopo una prima stesura delle linee di indirizzo da parte di un gruppo di lavoro tecnico, di un confronto con gli stakeholder, con le comunità tematiche (informali o strutturate) interessate al tema, con la cittadinanza.

Le azioni partecipative
Per rendere il PUMS più concreto e vicino alle esigenze della città, abbiamo realizzato una serie di incontri e realizzato alcuni strumenti (come il questionario che state per compilare) che ci hanno consentito e consentiranno di leggere i bisogni e mappare l’offerta di mobilità sostenibile a Ferrara, mettendo a sistema infrastrutture e progetti della pubblica amministrazione con i progetti e le proposte strutturate e informali condotti dalla cittadinanza.
 
A oggi abbiamo fatto:
  • un primo incontro di allineamento di progetto con stakeholder del territorio, dove abbiamo raccolto anche i primi elementi della mappatura, il 21 settembre 2017
  • 4 incontri territoriali, nell'autunno 2017, suddivisi per aree della città:
    lunedì 6 novembre presso il Centro Area Giovani
    mercoledì 8 novembre presso il Centro Sociale La Ruota - Boara
    lunedì 13 novembre presso il Centro di Promozione Sociale Il Barco
    lunedì 20 novembre presso la Chiesa di Cassana
  • un Gruppo Facebook dove fare emergere progetti, esigenze e idee per la mobilità sostenibile.
Durante queste occasioni, abbiamo raccontato gli obiettivi del PUMS, suddivisi per obiettivi prioritari (qualità dell’aria; sicurezza stradale) e obiettivi complementari (mobilità sostenibile; equità, sicurezza e inclusione sociale; qualità ambientale; efficienza e sostenibilità economica).
 
La raccolta delle necessità

Abbiamo iniziato a raccogliere le necessità di mobilità sostenibile (principalmente attorno alle aree degli incontri territoriali). Grazie alla compilazione di schede durante gli incontri territoriali, abbiamo raccolto circa sessanta profili di utenti della mobilità sostenibile, con relative necessità e ostacoli alla stessa. Di questi utenti, in quattro casi si è parlato di studenti, in sei casi di pensionati, in otto di bimbi (da portare a scuola o a fare attività extra scolastiche).

Le prime proposte progettuali
Di seguito le prime proposte progettuali emerse (di misure desiderate o di progetti informali già in essere da estendere):
- bike sharing
- strade alternative per percorsi ciclabili preferenziali
- estensione del Progetto Giuseppina
- car pooling con i colleghi
- car pooling per portare i figli a scuola / a fare sport (in questo le scuole potrebbero giocare un ruolo rilevante per proporre abbinamenti possibili)
- gravare di una piccola somma l’accesso con motore privato in centro e trasferire questa somma in investimento di gratuità per studenti dell’abbonamento del mezzo pubblico
- lavorare sulle scuole e portare consapevolezza a partire dal coinvolgimento a pieno titolo dalle elementari e medie.
- investire su operatori di territorio che lavorino sulla consapevolezza diffusa.
 
Abbiamo sottolineato a più riprese che il capitale su cui investire è umano: bisogna valorizzare e dare centralità alle esperienze dal basso e informali, che nascono dalla conoscenza reciproca, dalla fiducia, dal mutuo aiuto. La mappatura delle iniziative, dei progetti e delle attività informali legate alla mobilità sostenibile conta già circa 50 iniziative raccolte a oggi. Ma manca ancora molto lavoro. Aiutaci a raccontare meglio la città: non servono solo progetti strutturati; bastano anche comportamenti virtuosi, come quelli già brevemente descritti sopra.

Aiutaci a raccontare meglio la città, compila il nostro questionario!
Il questionario online che ti chiediamo di compilare ha questi obiettivi:
  1. Individuare zone di interesse e gli ostacoli alla mobilità sostenibile che questa area esprime (da compilare solo se non hai partecipato agli incontri territoriali);
  2. Fare emergere soggetti organizzati o informali che si occupano di mobilità sostenibile;
  3. Fare emergere progetti o iniziative informali che vadano nella direzione della mobilità sostenibile.
Ultima modifica: 07-02-2018
REDAZIONE: Servizio Infrastrutture e mobilità
EMAIL: traffico@comune.fe.it