Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
sei in: Gli Uffici > Guida ai Servizi > Contributi e agevolazioni sociali > REI - Reddito di inclusione
salta i contenuti principali a vai al menu

REI - Reddito di inclusione

Che cos'è

Il Reddito di inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà dal carattere universale, condizionata alla valutazione della condizione economica. I cittadini possono richiederlo presso il Comune di residenza o eventuali altri punti di accesso indicati dai Comuni. Il REI si compone di due parti:

  1. un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI);
  2. un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune.

Dal 1° gennaio 2018 il REI ha sostituito il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione).
 

Chi può richiederlo

Il REI nel 2018 viene erogato alle famiglie in possesso dei seguenti requisiti.
 

Requisiti di residenza e soggiorno
Il richiedente deve essere congiuntamente:

  • cittadino dell'Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.

Requisiti familiari

Nell'ottica della progressiva estensione della misura, la legge di bilancio 2018 (articolo 1, comma 192) abroga dal 1° luglio 2018 tutti i requisiti familiari (presenza di un minorenne, di una persona disabile, di una donna in gravidanza, di un disoccupato ultra 55enne). Pertanto, a partire dal 1° giugno 2018, possono presentare domanda tutti coloro che possiedono gli altri requisiti, indipendentemente dalla composizione familiare.

Al riguardo si sottolinea che il nucleo familiare di riferimento per il calcolo dell'ISEE non coincide necessariamente con la famiglia anagrafica. Salvo casi particolari, la normativa ISEE prevede infatti che i coniugi fanno parte dello stesso nucleo anche se con diversa residenza anagrafica; i figli minori di 18 anni fanno parte del nucleo del genitore con il quale convivono; i figli maggiorenni, se non sono coniugati e non hanno figli, fanno parte del nucleo familiare dei genitori anche se non conviventi, se risultano a loro carico ai fini Irpef. A tal fine si chiarisce che sono considerati fiscalmente a carico se hanno redditi non superiori alla soglia di euro 2840,51, al lordo degli oneri deducibili.
 

Requisiti economici

Il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:

  • un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6mila euro;
  • un valore ISRE (l'indicatore reddituale dell'ISEE, ossia l'ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3mila euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola). 

Altri requisiti
Per accedere al REI è inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:

  • non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
  • non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
  • non possieda navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005). 

Il beneficio concesso

L’ammontare dell’importo è correlato al numero dei componenti del nucleo familiare e tiene conto di eventuali trattamenti assistenziali e redditi in capo al nucleo stesso. 


Dove va presentata la domanda

Le domande debitamente compilate in ogni parte e sottoscritte devono essere presentate presso la sede amministrativa di ASP, utilizzando il Modulo domanda ReI, predisposto dall'INPS e scaricabile in fondo a questa pagina:

ASP Centro Servizi alla Persona
indirizzo: c.so Porta Reno, 86 – 44121 Ferrara
tel. 0532 799511
fax 0532 765501
e-mail info@aspfe.it
pec: pec.info@pec.aspfe.it  

Le domande devono essere presentate, previo appuntamento, corredate di un valido documento di identità del sottoscrittore, nei seguenti orari:

• lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10:00 alle 13:00;
• martedì e giovedì dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 14:30 alle ore 16:00.
 

Ulteriori chiarimenti
Coloro che presentano domanda di ReI dal 1 gennaio 2018 (in erogazione da febbraio) devono essere in possesso all’atto di presentazione della domanda di attestazione ISEE 2018.
Al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, il richiedente deve essere in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità.


Allegati

Modulo domanda ReI .pdf
 


Per maggiori informazioni consultare la pagina di ASP Centro Servizi alla Persona Reddito di Inclusione, oppure la pagina Focus On dedicato al REI del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.






Sei il visitatore n. 4137
Ultima modifica: 20-06-2018 giug.2018
REDAZIONE: URP
EMAIL: urp@comune.fe.it