Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
sei in: Gli Uffici > I Servizi in rete del Comune di Ferrara > Settore Servizi alla persona, Istruzione, Formazione > BACHECA > Al via la formazione per tutori volontari di minori stranieri non accompagnati
salta i contenuti principali a vai al menu

Al via la formazione per tutori volontari di minori stranieri non accompagnati

Si svolgerà sabato 7 ottobre dalle 9:00 alle 13:00 il seminario per presentare la figura del tutore volontario per i minori. L'incontro si terrà presso la sede di Agire Sociale - CSV in via Ravenna 52 a Ferrara, alla presenza dell’Assessore comunale ai Servizi alla persona Chiara Sapigni e della Garante regionale dell’Infanzia e Adolescenza Clede Garavini.

Chi è il tutore volontario per i minori
Un tutore volontario non è un genitore affidatario, non vive con il ragazzo o la ragazza ma si mette in relazione con l’adolescente diventandone in certa misura il portavoce, orientandolo nelle scelte scolastiche e di vita, assumendo decisioni sul piano sanitario e accompagnandolo nel disbrigo delle pratiche burocratiche. Tutto questo in collaborazione con il servizio sociale, le comunità e tutti gli operatori del territorio, che non cessano di svolgere i rispettivi compiti istituzionali.

Il seminario sarà anche l’occasione per presentare il secondo corso provinciale di formazione, che ha l’obiettivo di preparare volontari disponibili ad affiancare, come tutori, adolescenti stranieri giunti sul nostro territorio privi di riferimenti adulti. È il legislatore stesso a richiederlo, quando, nella cosiddetta Legge Zampa sull’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati - MSNA - (L. n. 47/17), prevede "l’individuazione di volontari che dovranno essere adeguatamente formati".


Alcune informazioni utili sul corso
Ferrara non parte da zero. Nel 2015 il primo corso provinciale ha preparato 18 volontari, molti dei quali hanno poi deciso di costituirsi nell’associazione "Tutori nel tempo" e si sono messi in gioco accanto a bambini e ragazzi, non solo MSNA, che ne avevano bisogno.

Il corso apre una nuova possibilità, mirata in particolare alla tutela di ragazzi stranieri. Chi ha almeno 25 anni, non ha problemi con la giustizia e intende segnalare la propria disponibilità, può farlo rispondendo al bando regionale emanato dalla Garante dell’Infanzia.

Da quel momento in poi la formazione procede a livello provinciale. Chi vive a Ferrara e dintorni sarà contattato da Agire Sociale o dal Comune di Ferrara per un primo momento di conoscenza ed, eventualmente, di selezione. Il corso, infatti, verrà avviato con un minimo di 15 iscritti e un massimo di 25, e in caso di sovrannumero si darà priorità a coloro che documenteranno almeno 2 anni di esperienza, volontaria o professionale, nel campo dell’integrazione culturale o nel rapporto con persone di minore età.

Chi è semplicemente curioso e vuole saperne di più, o è incerto se iscriversi o meno, può ugualmente partecipare al seminario del 7 ottobre, aperto a tutti gli interessati, ed eventualmente rispondere al bando in un secondo momento.

Anche il percorso formativo si terrà presso la sede di Agire Sociale-CSV con il seguente calendario:
- sabato 4 novembre dalle 9:00 alle 17:00
  Profili giuridici della tutela dei minori
sabato 18 novembre dalle 9:00 alle 17:00
  Chi sono i minori che migrano in Italia e a Ferrara
venerdì 1 dicembre dalle 15:00 alle 19:00
  L’impatto della migrazione nella crescita degli adolescenti
sabato 16 dicembre dalle 9:00 alle 17:00
  Il progetto di aiuto. Valutazione finale del percorso formativo

L’iniziativa è promossa dal Comune di Ferrara, dalla Garante regionale dell’Infanzia e Adolescenza e da Agire Sociale-CSV, in collaborazione con l’Associazione Tutori nel tempo, la Camera Minorile di Ferrara, il Tavolo provinciale Adolescenti e il progetto "Minori e giovani Stranieri Non Accompagnati: Azioni di inclusione e autonomia”, finanziato all’interno del bando "NEVER ALONE: per un domani possibile" e ha il patrocinio dell'Unione Nazionale Camere Minorili.


Come si diventa Tutori volontari
La Garante regionale dell’Infanzia e Adolescenza ha disposto l'apertura dell'avviso pubblico per la selezione e la formazione di soggetti idonei a svolgere la funzione di Tutore volontario. L'avviso fornisce indicazioni precise e dettagliate sui requisiti previsti per la presentazione della domanda, oltre che sulla procedura che sarà seguita per la selezione degli aspiranti Tutori.

La domanda dovrà essere inviata al Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Emilia-Romagna secondo una delle seguenti modalità:
- inoltro di una raccomandata AR all'attenzione del Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Emilia-Romagna - v.le A. Moro 50 - 40127 - Bologna (sulla busta va indicata la seguente dicitura: Avviso Tutori volontari MSNA),
- inoltro di una PEC - intestata al candidato - all'indirizzo garanteinfanzia@postacert.regione.emilia-romagna.it
- inoltro di un fax al numero 051 5275461.
Per il percorso formativo che inizierà sabato 4 novembre 2017 presso Agire Sociale-CSV, la domanda dovrà essere presentata, nelle modalità sopraindicate, entro il 14 ottobre 2017

Per ulteriori informazioni sul seminario introduttivo e sul corso di formazione, contattare:
- Agire Sociale-CSV, Roberta Bagni, tel. 0532.205688, e-mail segreteria@csvferrara.it
- Ufficio Diritti dei minori, Comune di Ferrara, e-mail e.buccoliero@comune.fe.it


Allegati e documenti utili
Programma_seminario_ottobre_2017 (.pdf)
Programma corso di formazione novembre - dicembre 2017.pdf (.pdf)
Avviso_pubblico_Tutori_volontari_2017 (.pdf)
Modello_domanda_Tutori_MSNA_2017 (.pdf compilabile)




Sei il visitatore n. 569
Ultima modifica: 10-10-2017
REDAZIONE: URP
EMAIL: urp@comune.fe.it