Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Porta Paola

Localizzazione

Piazza Travaglio
 

Cenni storici

(a cura di Francesco Scafuri)

Porta Paola è una delle massime espressioni dell’architettura tra il manierismo e il barocco a Ferrara. La facciata principale verso via Bologna, realizzata in marmo bianco lavorato a bugnato rustico, è arricchita da lesene laterali e coronata da un timpano curvilineo. La Porta fu costruita nel 1612 su progetto dell’architetto Giovan Battista Aleotti detto l’Argenta, che la inserì perfettamente nella cortina muraria costruita ex novo. L’iniziativa deve essere ascritta invece al Cardinal Legato Spinola, che ordinò l’avvio dei lavori e dedicò il fabbricato a Paolo V, allora al soglio pontificio.
Nel corso dell’Ottocento, esaurite le funzioni di controllo militare, la Porta divenne una delle più importanti “ricevitorie daziarie della città” dotata di pesa pubblica, con diverse guardie ed un portiere, che usufruiva di alcune stanze al piano superiore.
Nel giugno 1898 l’Ufficio Tecnico comunale elaborò il progetto di “riduzione a barriera” della Porta. I lavori furono eseguiti in gran parte lo stesso anno, ma il complesso intervento urbanistico si concluse soltanto nel 1901. Le opere consistettero, tra l’altro, nell’apertura di due varchi nelle mura contigue, cosicché l’edificio in questione fu isolato completamente dal resto delle fortificazioni; tali passaggi laterali dovevano essere chiusi tassativamente ogni sera da appositi cancelli in ferro e ghisa.
Durante i lavori di fine Ottocento, i prospetti est e ovest furono costruiti ex novo, mentre la facciata verso la città venne modificata e decorata in “marmo d’Istria”, in sostituzione di quella realizzata in marmo di Verona nella prima metà dell’Ottocento. Fortunatamente, in considerazione del grande pregio architettonico del prospetto principale aleottiano verso via Bologna, si decise di conservarlo in gran parte.
Nel corso del Novecento lo storico fabbricato venne destinato ad accogliere vari uffici, tra cui quelli del “dazio e consumo” e della Divisione Imposte e Tasse del Comune di Ferrara.
Nell’estate del 2001 l’intera facciata principale verso via Bologna (portale seicentesco dell’Aleotti e prospetto in muratura) e stata interessata dai lavori di restauro, diretti dal Servizio Beni Monumentali del Comune. L’ente ha inoltre promosso, con il supporto scientifico della Soprintendenza Archeologica dell’Emilia Romagna, importanti lavori di riqualificazione dell’area antistante alla Porta, realizzati dal 2003 al 2004. Questi ultimi interventi hanno previsto, tra l’altro, uno scavo di tipo archeologico nell’area immediatamente antistante alla facciata seicentesca, a seguito del quale è emerso l’antico basamento dell’elegante prospetto. Lo scavo, profondo circa due metri, è stato delimitato nei due lati estremi, perpendicolari alla Porta, da una muratura di contenimento, inoltre sul suo lato sud sono state costruite due gradinate rivestite di lastre e blocchi di porfido, che permettono al visitatore di scendere ad una quota di circa 80 cm rispetto al piano di calpestio della piazza, consentendo una suggestiva visione della Porta dal basso. Lateralmente, sul bordo superiore dello scavo, è stata realizzata una ringhiera metallica di protezione, mentre una passerella appositamente studiata collega la piazzetta antistante e la Porta stessa. La pavimentazione del fondo dello scavo, raggiungibile da una piccola scaletta riservata agli interventi di manutenzione, è stata realizzata con ciottoli di fiume su letto di sabbia.
Negli stessi anni, poco distante da Porta Paola, sono venuti alla luce i resti di un’antica imbarcazione datata attorno al 1400, di nuovo ricoperti dopo un attento studio. Tali ritrovamenti hanno consentito agli esperti di approfondire i temi legati alla navigazione nella zona a sud della città, un tempo solcata dal «Po di Ferrara» e da decine di corsi d’acqua.
Ora, a causa del terremoto del maggio 2012, la Porta risulta inutilizzata, in attesa del recupero già programmato. Per ulteriori informazioni sul progetto di restauro Porta Paola


 
Ultima modifica: 23-12-2016
REDAZIONE: Beni Monumentali - Centro Storico
EMAIL: n.frasson@comune.fe.it