Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Ex chiesa di San Romano

Localizzazione

Via San Romano 


Funzione

Museo della Cattedrale


Cenni storici

(a cura di Francesco Scafuri)

L'ex chiesa di San Romano, nominata già nel 990, sorge poco distante dalla Cattedrale di Ferrara. Fu sede dapprima di monaci benedettini dell'abbazia di Fruttuaria e successivamente dei canonici regolari di S. Agostino, mentre nel 1230 venne data in commenda agli Estensi che, prima nel 1407 e poi nel 1487 la fecero ristrutturare, facendole assumere in gran parte l'aspetto attuale. L'armonioso chiostro adiacente, che insieme alla chiesa un tempo faceva parte dell'antico convento di San Romano, sarebbe stato edificato attorno all'XI secolo, mentre fu ricostruito nel XV secolo e restaurato negli anni '50 del XX secolo a seguito dei danni riportanti nel corso dell'ultima guerra, quando anche la chiesa fu sottoposta ad un primo intervento di recupero.
Il Comune di Ferrara, in occasione del Giubileo del 2000, ha restaurato il prestigioso complesso di San Romano, allo scopo di collocarvi all'interno l’attuale Museo della Cattedrale, che fin dal 1929 aveva sede in un’unica sala angusta situata nel piano sovrastante l'atrio del Duomo.
Gli ambienti del complesso di San Romano ospitano dunque il Museo della Cattedrale, costituito da autentici tesori di grande valore artistico di proprietà del Capitolo della Cattedrale e del Comune. All'interno dell'ex convento, nell'ampia sala al primo piano, si conservano ventiquattro libri corali quattrocenteschi miniati. La visita alla sala prosegue con l'esposizione dei progetti e del modello ligneo elaborati alla fine del XVIII secolo in occasione del concorso per il completamento del campanile della Cattedrale. Si possono ammirare infine opere lapidee di pregio di varie epoche, mentre su una pedana spiccano i due prospetti marmorei ricurvi risalenti all'VIII secolo, che costituivano un ambone proveniente dall'antica cattedrale di Voghenza.
Nell'ex sagrestia della chiesa, dal carattere raccolto, sono visibili alcuni arredi liturgici, reliquiari e l'ottocentesco paliotto, interamente in filato dorato, un tempo presso l'altare maggiore della Cattedrale.
Nell'ex chiesa si trovano l'Annunciazione e il San Giorgio e la principessa, ante dell'organo dell'antica cattedrale dipinte nel 1469 dal grande pittore ferrarese Cosmé Tura. Inoltre sono esposti su grandi pannelli otto pregevoli arazzi di grandi dimensioni, dove sono rappresentati gli episodi della vita di San Giorgio e San Maurelio, eseguiti tra il 1551 ed il 1553 dal fiammingo Giovanni Karcher su cartoni del Garofalo e Camillo Filippi. Nelle corsie laterali sono collocate prestigiose opere lapidee: le formelle provenienti dall'antica Porta dei Mesi, realizzate nel XIII secolo dal Maestro dei Mesi di Ferrara, il Capitello con le storie di San Giovanni Battista e le formelle marmoree provenienti dal pulpito eretto nel 1515 in Cattedrale e semidistrutto nel XVIII secolo a seguito dei lavori di trasformazione interna del Duomo.
Nell' abside, ambiente più protetto e di particolare valore simbolico, è collocata la famosa Madonna della Melagrana, realizzata nel 1406 dallo scultore senese Jacopo della Quercia.
 
 
Ultima modifica: 23-12-2016
REDAZIONE: Beni Monumentali - Centro Storico
EMAIL: n.frasson@comune.fe.it