Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Ondate di calore

Il caldo causa problemi alla salute nel momento in cui altera il sistema di regolazione della temperatura corporea. Normalmente il corpo si raffredda sudando, ma in certe condizioni ambientali questo meccanismo non è sufficiente. Se, ad esempio, il tasso di umidità è molto alto, il sudore evapora lentamente e quindi il corpo non si raffredda in maniera efficiente e la temperatura corporea può aumentare fino a valori così elevati da danneggiare organi vitali.

La capacità di termoregolazione di una persona è condizionata da fattori come l'età, le
condizioni di salute, l'assunzione di farmaci.
I soggetti maggiormente a rischio sono: le persone anziane o non autosufficienti, le persone che assumono regolarmente farmaci, i neonati e i bambini piccoli, chi fa esercizio fisico o svolge un lavoro intenso all'aria aperta.

Per questo, durante i giorni in cui è previsto un rischio elevato di ondate di calore e per le successive 24 o 36 ore è consigliabile seguire semplici norme di comportamento di auto protezione, quali:

1. non uscire nelle ore più calde, dalle 12 alle 18, soprattutto anziani, bambini
molto piccoli, persone non autosufficienti o convalescenti;

2. proteggersi dal calore del sole con tende o persiane e mantenere il climatizzatore
a 25-27 gradi, se si usa un ventilatore non indirizzarlo direttamente sul corpo;

3. bere e mangiare molta frutta ed evitare bevande alcoliche e caffeina, consumare
pasti leggeri;

4. indossare abiti e cappelli leggeri e di colore chiaro all'aperto evitando le fibre
sintetiche;

5. il personale impiegato in attività esposte direttamente al sole cautelarsi con
idonei mezzi di protezione;

6. prima di mettersi in viaggio premunirsi di sufficienti scorte d’acqua.
Fare in modo che in famiglia tutti conoscano i principali comportamenti per “l’auto
protezione”.

Fare in modo che in famiglia tutti conoscano i principali comportamenti per “l’auto protezione”.
Ultima modifica: 17-09-2015
REDAZIONE: Servizio Associato di Protezione Civile Terre Estensi
EMAIL: protezionecivile@comune.fe.it