Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Criticità Idraulica

A seguito di intense e prolungate precipitazioni che hanno interessato l’intero bacino idrografico, si può determinare una situazione di criticità idraulica con  innalzamenti dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua maggiori (Po e Reno) e della rete dei canali di bonifica con possibili danni alle opere idrauliche e di difesa delle sponde, alle attività agricole, ai cantieri, agli insediamenti civili e industriali in alveo.
L’evoluzione negativa e il protrarsi della crisi in atto può causare fenomeni come  l’allagamento di limitati territori o, nella peggiore delle ipotesi, l’alluvione determinata dalla rottura arginale o dallo straripamento di un corso d’acqua. 

Al fine di essere consapevoli e preparati ad affrontare una eventuale emergenza, è bene conoscere alcuni comportamenti per “l’auto protezione”.

1. In caso di situazioni meteo climatiche avverse, seguire con attenzione le
previsioni giornaliere del tempo e prestare attenzione alle allerta di protezione
civile consultabili nei siti web dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, del
Comune di Ferrara e diffuse anche tramite i mezzi di informazione.

2. Circolare con prudenza seguendo la segnaletica e le indicazioni impartite
dall’autorità competente.

3. Non sostare sulle sponde dei corsi d’acqua e non intraprendere attività (pesca,
navigazione, escursioni a piedi o in bicicletta, ecc...) in prossimità o relative agli
stessi.

4. Se la minaccia di allagamento è grave e le autorità competenti ritengono debba
essere abbandonata la propria abitazione: indossare abiti e calzature che
proteggano dall’acqua, ricordare i medicinali salvavita ed i documenti, chiudere il
gas e staccare il contatore dell’elettricità.

5. Se, a causa di eventi imprevedibili, non fosse possibile abbandonare la propria
abitazione: non recarsi in luoghi posti ad una quota inferiore al piano di
campagna, salire ai piani alti e attendere i soccorritori.

6. Al termine dell’emergenza, qualora si sia verificato un allagamento, ricordarsi
che circolare in auto in una zona precedentemente allagata può essere
pericoloso.

7. Al rientro nell’abitazione, qualora allagata, verificare con un tecnico abilitato il
corretto funzionamento degli impianti.

Fare in modo che in famiglia tutti conoscano i principali comportamenti per “l’auto protezione”.
Ultima modifica: 27-02-2017
REDAZIONE: Ufficio Protezione Civile
EMAIL: protezionecivile@comune.fe.it