Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Mobilità urbana

grande viabilità e parcheggi

le travi della Tangenziale Ovest pronte per il varoNell’ambito della grande viabilità nel 2013 è stato inaugurato il collegamento stradale tra via del Lavoro e via Arginone con la realizzazione - dopo 40 anni - di un nuovo ponte sul Burana, che consente un nuovo attraversamento del canale in prossimità dell'area urbana dirottando su questo "bypass" stradale il consistente traffico che quotidianamente si riversa sull'asse Viale Po - Via Modena, e che proprio nel sottopasso di Viale Po incontra rallentamenti soprattutto negli orari di punta.

Altra importante realizzazione inaugurata nel 2010 è la nuova bretella di Porotto. Realizzata dall'Amministrazione comunale con l'intento di ridurre il traffico di mezzi pesanti nei centri abitati di Porotto e Cassana, la nuova strada collega la provinciale Virgiliana con le vie Diana e Finati, congiungendosi con la via Canal Bianco in prossimità dell'accesso alle aree della società Sei spa, nella zona della Piccola e media industria.

la nuova rotonda del casello Ferrara Nord vista dall'altoLa realizzazione di rotatorie in molte intersezioni strategiche della città ha reso il traffico più scorrevole e ridotto incidenti stradali, consumi di carburante e relative emissioni, inquinamento acustico. Diverse sono state le rotatorie realizzate durante il mandato: quelle di San Giorgio e di via Comacchio (all’incrocio con la bretella di accesso all’ospedale di Cona), che chiudono il disegno viario di collegamento con l'ospedale di Cona (ferrovia, viabilità di accesso e sottopassi per veicoli ed ambulanze), la nuova rotatoria di via Eridano realizzata in prossimità del casello autostradale necessaria per garantire una maggior fluidità e sicurezza del traffico all’uscita da Ferrara Nord, l’ampliamento dei bracci di accesso alla rotatoria di via Wagner-via Fabbri, la rotatoria all’intersezione tra via Bologna e via Poggio Renatico in località Uccellino, nonché le 2 nuove rotatorie inserite nell’ambito del bypass di collegamento tra via del Lavoro e via Arginone. Di prossima realizzazione la rotatoria tra le Vie Caldirolo, Colombarola e Briosi, con conseguente eliminazione dell’impianto semaforico esistente, soluzione da tempo richiesta dai residenti della zona per snellire il traffico e il conseguente inquinamento atmosferico dovuto ai lunghi tempi di attesa delle auto in prossimità dell’intersezione.
l'ampliamento del parcheggio di via del Lavoro
Tra le grandi opere sovracomunali si segnala la ripresa dei lavori – di competenza di A.N.A.S – per la realizzazione della Tangenziale Ovest, progetto iniziato 10 anni fa e interrotto a causa del fallimento della Coopcostruttori. L’Amministrazione ha profuso un impegno particolare per la ripresa di quest’opera fondamentale per il raccordo tra la superstrada Ferrara Mare e il futuro cantiere della autostrada regionale Cispadana. Nel progetto di ANAS sono state inserite alcune varianti richieste dal Comune, come il sottopasso ciclopedonale di Via Modena e la realizzazione delle barriere antirumore, non previste nel progetto iniziale. L’opera da quasi 30 milioni di euro, ripartita nel 2012 si concluderà nel 2014 e collegherà via Modena alla superstrada all’altezza del casello di Ferrara sud.

Si segnalano infine gli interventi al Parcheggio di via del Lavoro, all’ex Cavallerizza e in Rampari San Paolo. Il Parcheggio di attestamento di via del Lavoro, importante snodo intermodale retrostante la Stazione ferroviaria, ora più facilmente accessibile anche grazie alla nuova arteria che attraversa il Burana e collega la zona nord della città con la zona sud, è stato potenziato nel corso del 2010 con la realizzazione di 220 nuovi posti, intervento che ha aggiunto un tassello importante allo sforzo che il Comune sta facendo per dare risposte all'esigenza espressa dai cittadini di nuovi parcheggi.
Nel 2013 il Comune ha concesso a Ferrara TUA l'area denominata ex Cavallerizza (in via Palestro) per la realizzazione di un parcheggio a raso di circa 50 posti che andrà ad integrare la capienza del parcheggio San Guglielmo e soddisfare le esigenze relative a quell'area residenziale e commerciale. Infine sempre in tema di parcheggi è stata riqualificata da Ferrara TUA l’area di sosta riservata ai camper in via Rampari di San Paolo (24 posti a 10 minuti dal centro storico con videosorveglianza e dotazione di servizi di acqua potabile, scolo e energia).



interventi per la mobilità sostenibile

il servizio bike sharing MiMuovo in biciTra le opere infrastrutturali per la mobilità ciclopedonale nel corso del mandato è stata realizzata la ciclabile protetta di Via Bologna (da Via Foro Boario alla rotatoria dell’Ipercoop), la ciclabile di via Buttifredo a San Martino, la ciclabile nell’abitato di Corlo con attraversamento protetto della strada provinciale, e il percorso ciclabile all’interno al Parco urbano. Entro il mandato saranno iniziati i lavori della pista ciclabile di via Malpasso via Mari via Pontegradella, per quanto riguarda la ciclabile via Calzolai (da via Pannonio all’ex casello ferroviario) verrà dato il via alle procedure di esproprio.
Si è provveduto inoltre a mettere in sicurezza 5 attraversamenti ciclo-pedonali (Corso Porta Po, Corso Porta Mare, Via Santo Stefano/via Garibaldi, Corso Isonzo/via Garibaldi, Via Fortezza/Via IV Novembre).
In collaborazione con le quattro Circoscrizioni sono stati realizzati una serie di interventi finalizzati alla messa in sicurezza di punti di conflitto veicolare, ciclabile e pedonale, in particolar modo in prossimità di scuole e all’interno di zone residenziali, oltre ad un lavoro di continua gestione di problematiche relative alla sosta, alla dissuasione della velocità, agli incroci pericolosi, alle soluzioni di problemi legati alla disabilità, alla verifica di fermate bus, ecc. quotidianamente sollevate da cittadini, circoscrizioni, polizia municipale e organi politici.

Nel corso del 2009 è stata ampliata la disponibilità di bici ad uso pubblico a prelievo automatizzato “C’entro in bici” (44 nuove biciclette che hanno portato a 140 la disponibilità di cicli gratuiti distribuiti in 15 postazioni).
Da Maggio 2013 il nuovo sistema “Mi Muovo In Bici” rende disponibili 70 biciclette da utilizzare con tessera magnetica. Si tratta di un sistema di bike sharing a livello regionale che permette di utilizzare un’unica tessera per gli spostamenti in bus, treno e bici all’interno della nostra regione. Le 70 bici sono state installate in 5 diverse postazioni del centro storico e della Stazione ferroviaria.
Grazie ad un Bando ministeriale è prevista la dotazione di biciclette a pedalata assistita per gli spostamenti lavoro-lavoro dei dipendenti comunali. Tale prototipo di e-bike è dotato di un sistema che permette il monitoraggio degli inquinanti.

le colonnine di ricarica elettrica del sevizio MiMuovo elettricoSempre nell’ottica della mobilità alternativa e a basso impatto, nel corso del 2012 il Comune di Ferrara ha aderito al Piano della mobilità elettrica regionale, denominato “Mi Muovo Elettrico”, che prevede lo sviluppo di un’interfaccia di ricarica per veicoli elettrici compatibile con lo standard della card “Mi Muovo”. È stato firmato un Protocollo d’intesa tra il Comune ed Enel che prevede l’installazione di 5 colonnine di ricarica elettrica (una di questa è già stata installata in Largo Castello e le altre quattro verranno installate entro l’anno).
Infine sempre nell’ambito della mobilità sostenibile, il Comune di Ferrara ha concesso incentivi per passare a carburanti più sostenibili per l'ambiente. L’ultima tranche di contributi regionali per oltre 230mila euro ha permesso la conversione in veicoli a metano e gpl di n. 477 veicoli a benzina di proprietà di cittadini residenti nel comune.




meno traffico in città

Nel corso del precedente mandato grazie all’ampliamento delle Zone a traffico Limitato (ZTL) il centro storico è diventato di fatto il “salotto della città”. Nel 2011 è stato attivato il sistema di controllo elettronico della zona a traffico limitato (MUSA) che ha richiesto un preliminare aggiornamento del Regolamento di accesso e sosta in ZTL; contemporaneamente le competenze relative alle operazioni di rilascio permessi ZTL sono passate dal Corpo di Polizia Municipale all’unità operativa Mobilità.
Nel 2012 è stato anche attivato il portale web per il pagamento dei permessi di accesso alla ZTL online. Entro la fine del mandato verranno implementate le funzionalità del sistema di rilascio permessi con la possibilità di avvisare via sms i possessori di permesso in scadenza e verrà realizzata una banca data regionale per agevolare la circolazione dei disabili su tutto il territorio regionale consentendogli di comunicare esclusivamente al proprio Comune di residenza le targhe dei veicoli utilizzati per circolare in Regione.

le nuove zone 30 in ZTLInoltre entro la fine del 2013 verrà modificata la circolazione in una delle zone a traffico limitato per ridurre il grado di permeabilità della ZTL e contestualmente creare zone a 30 km/h.
Nel 2011 sono state estese le aree di sosta a pagamento e attuati adeguamenti tariffari in alcune strade del centro storico (Corso della Giovecca, Viale Cavour,), oltre a rivedere l’ubicazione delle aree di sosta riservate ai residenti (Via Palestro, Via Mascheraio, Via Mentessi, Via Benvenuto Tisi da Garofalo, Via Cosmè Tura, ecc.).
Nel corso del 2012 è stata riorganizzata tutta la segnaletica di indirizzamento dei mezzi pesanti all’interno del territorio comunale, in un’ottica di salvaguardia dei centri abitati e dei quartieri residenziali che sorgono in prossimità delle strade ad alta densità di traffico.
Sono state individuate le zone di fermata da adibire a Terminal Bus Turistici (all’Ex Mof, in Via del Lavoro e presso il PalaSegest) e sono state posizionate le fermate per il carico/scarico turisti in alcune vie del centro storico vicino ai punti di maggior attrazione turistica, interventi che hanno di fatto diminuito in modo significativo il transito nel centro storico cittadino.


il trasporto pubblico

la flotta bus T>perCon la delocalizzazione dell’Ospedale Sant’Anna a Cona si è reso necessario attuare diversi provvedimenti in materia di viabilità e mobilità. Si segnala in particolare l’attivazione della nuova linea 6 che copre il percorso Porotto-Stazione FS-Nuovo Ospedale e le relative nuove fermate lungo la via Comacchio che nell’estate 2013 sono state messe a norma e dotate di attrezzature di protezione e confort per l’utenza.
Inoltre presso il nuovo ospedale è stato realizzato un nuovo tratto di strada di collegamento che permette al bus di raggiungere velocemente i due ingressi principali del complesso ospedaliero. Tale linea di trasporto pubblico è quella che attualmente trasporta il maggior numero di passeggeri di tutta la rete urbana. L’attivazione della linea di TPL è stata preceduta da focus group con i potenziali fruitori (dipendenti ospedale, studenti, ecc..) per condividere gli orari e il percorso del mezzo. A tal proposito sono state attivate azioni di Mobility Management quali la vendita di abbonamenti con agevolazioni tariffarie. Questa iniziativa ha riscosso un tale successo, con la vendita di 556 abbonamenti, da estenderla anche per gli abbonamenti del 2013.
Parallelamente all’attivazione della linea bus è stata ideata e realizzata la campagna di comunicazione relativa alle modalità di accesso al nuovo plesso ospedaliero, per informare i cittadini dei nuovi servizi verso l’ospedale (bus, treno, viabilità ecc…).
Si è provveduto alla completa revisione di tutta la segnaletica stradale dell’intero territorio comunale e provinciale che indicava come ospedale quello di Corso Giovecca per l’indirizzamento al nuovo Ospedale di Cona.

Sempre in tema di Trasporto Pubblico si è in procinto di installare un sistema AVM sull’intera flotta bus ferrarese e di installare delle paline intelligenti a messaggio variabile presso le principali fermate bus che informeranno in tempo reale gli utenti sull’arrivo delle corse (orari e tempi d’attesa).
È stata realizzata la corsia preferenziale per i bus in Via Giovanni XXIII, al fine di garantire un’adeguata velocità commerciale; mentre, per compensare i tagli di risorse destinate al TPL a livello nazionale, è stata elaborata una riorganizzazione del sistema di trasporto pubblico cittadino che ha previsto una diminuzione dei km percorsi e contemporanei aumenti tariffari.

Ultima modifica: 13-12-2013
REDAZIONE: Mappa Opere del Comune di Ferrara
EMAIL: