Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Programma Alzheimer

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL POTENZIAMENTO DELLA RETE DI SERVIZI PER LE MALATTIE DEMENTIGENE E PER I MALATI DI ALZHEIMER 2011 - 2013

La demenza, nelle sue varie forme, è una malattia che riguarda un numero crescente di persone (vi sono circa 850 nuovi casi all'anno nella provincia di Ferrara, pari all'11 per mille/anno degli ultra65enni). E' una malattia cronica (può durare più di dieci anni) che determina un progressivo peggioramento delle capacità cognitive e funzionali del malato. Spesso per un lungo periodo di tempo la persona malata riesce a rimanere presso la propria abitazione, all'interno del proprio nucleo familiare. Proprio per questo motivo la demenza ha un impatto severo non solo sulla vita del paziente, ma anche su quella dei cosiddetti "caregivers" (le persone che si prendono cura di lui). Le relazioni interpersonali possono subire una profonda modificazione ed i risvolti psicologici di questo difficile percorso possono incidere non poco sul benessere individuale. A ciò si aggiunge lo "stress assistenziale", la fatica di una giornata che rischia di essere senza pause, con un impegno costante, talvolta ininterrotto per ore ed ore.

In attuazione di direttive regionali il Comune di Ferrara ha promosso nel 2000 l'elaborazione e la sottoscrizione del 1° Accordo di Programma inter-istituzionale, dando inizio ai lavori del "Tavolo Alzheimer", costituito dai tecnici delegati da tutte le istituzioni firmatarie. Negli anni successivi sono stati firmati altri due accordi e sono state progressivamente sviluppate azioni e proposte di intervento coerenti con gli obiettivi individuati dal Progetto Regionale Demenze.

Le attività finora realizzate nell’ambito del Programma Alzheimer hanno favorito:
  1. Il rafforzamento dei servizi offerti dalla rete dei servizi territoriali sociali e sanitari;
  2. L' attuazione e sviluppo di attività formative;
  3. L' attuazione e sviluppo di attività a sostegno dei familiari;
  4. L' avvio di un Gruppo tecnico di lavoro finalizzato all'individuazione di proposte di miglioramento della rete di servizi.

Ora è operativo il quarto Accordo di Programma, per il triennio 2011-2013
» Scarica il documento: accordo_alzheimer_2011_2013.pdf

Lo scopo dell'Accordo, senza dubbio ambizioso, è espresso nella parte introduttiva del testo: ".....il presente Accordo, proseguendo il percorso già intrapreso con i precedenti Accordi di programma, intende sviluppare un piano assistenziale globale e complesso, potenziare e completare gli interventi a favore del paziente e della sua famiglia, nell'ottica di una sinergia interistituzionale destinata a superare il concetto di cura per arrivare a quello di "Care". Ciò rende evidente la consapevolezza che nessuno degli attori coinvolti è in grado, da solo, di dare una risposta completa ed esaustiva.

Al di là degli interventi specifici esistono due elementi di sfondo, comuni all'intero progetto: lo sviluppo dei percorsi di integrazione e la diffusione capillare dei progetti di formazione ed informazione.

Oltre all'accordo di programma altri due semplici strumenti testimoniano l'impegno finora profuso dagli operatori della rete:
  • il Pieghevole (.pdf) informativo che cerca di orientare la famiglia del paziente all'interno dei servizi rivolti al paziente ed al caregiver;
  • il Manuale (.pdf) di "Suggerimenti per l'Assistenza al paziente affetto da demenza".
Tali strumenti, già distribuiti in cartaceo, sono ora disponibili qui per consentirne una diffusione ancor più ampia: la conoscenza della malattia e la possibilità di trovare alleati competenti nel sostenere la “fatica di cura” possono incidere concretamente sulla sostenibilità e sulla qualità dell'assistenza del paziente affetto da demenza.

Altro materiale disponibile:
Ultima modifica: 12-10-2016
REDAZIONE: Servizio salute e politiche socio sanitarie
EMAIL: p.fergnani@comune.fe.it