Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
sei in: Gli Uffici > I Servizi in rete del Comune di Ferrara > Mappa Opere Pubbliche del Comune di Ferrara > Le Delibere approvate dalla Giunta Comunale
salta i contenuti principali a vai al menu

Le Delibere approvate dalla Giunta Comunale

Anno 2017
Queste le principali delibere approvate dalla Giunta comunale nel 2017 per l'Assessorato Lavori Pubblici, Mobilità, Protezione Civile, Sicurezza Urbana:

21 marzo
Per la scuola De Pisis di Porotto un progetto di miglioramento dell'efficienza energetica
Ha ottenuto un finanziamento agevolato dal cosiddetto 'Fondo Kyoto' (Decreto Interministeriale 14/04/2015) a sostegno degli interventi di efficientamento energetico degli edifici scolastici, il progetto, per ora in fase preliminare, approvato oggi dalla Giunta, per la riqualificazione della scuola secondaria "De Pisis" di Porotto.
Obiettivi del progetto sono quelli di apportare migliorie al sistema impiantistico dell'edificio per garantire una maggiore efficienza energetica in termini di prestazioni, di riduzione della manutenzione e di riduzione dell'impatto ambientale.
La spesa preventivata è di 420.000 euro (Iva compresa)

28 febbraio
Dalla Giunta parere favorevole per il progetto di creazione della terza corsia dell'Autostrada A13
Interesserà il territorio comunale di Ferrara per un tratto della lunghezza di 200 metri, in corrispondenza del casello di Ferrara sud, il progetto di creazione di una terza corsia dell'Autostrada A13 Bologna-Padova per il quale la Giunta comunale ha espresso oggi il proprio parere favorevole, con un atto di orientamento. L'intero progetto di ampliamento dell'A13 riguarda il tratto tra Ferrara sud e Arcoveggio e per la sua realizzazione Autostrade per l'Italia ha chiesto al Ministero dell'Ambiente l'attivazione di una Procedura di Valutazione di Impatto ambientale.
Nei giorni scorsi si è tenuta una riunione tecnica fra i Servizi del Comune di Ferrara competenti (Ambiente, Ufficio di Piano, Infrastrutture e Mobilità, Pianificazione) nel corso della quale sono state formulate alcune osservazioni al progetto che saranno trasmesse alla Regione Emilia Romagna e che puntano a ridurre gli impatti ambientali e acustici dell'opera, oltre che a limitare i disagi per la viabilità nel periodo di esecuzione dei lavori.

21 febbraio
Accordo col MiBACT per i restauri alla Chiesa di San Paolo e al Monastero di Sant'Antonio
Sarà il Comune di Ferrara a svolgere il ruolo di 'Stazione appaltante' per i due interventi di restauro relativi alla Chiesa di San Paolo e al II Chiostro del Monastero di Sant'Antonio Abate finanziati con  risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) stanziate dalla Delibera CIPE dell'1 maggio 2016 a favore degli interventi del 'Ducato Estense'. A prevederlo è il disciplinare, che è stato approvato stamani dalla Giunta e che mira a regolare i rapporti tra il Comune di Ferrara e il Segretariato Generale - Servizio II del MiBACT (responsabile proprio del Piano Stralcio per l'attuazione degli interventi del 'Ducato Estense'), stabilendo modalità e procedure di attuazione delle opere.
Il provvedimento è stato definito a seguito del rilascio delle autorizzazioni al Comune di Ferrara all'esecuzione degli interventi da parte dei proprietari dei due immobili, ossia la Parrocchia della Conversione di San Paolo, per l'omonima chiesa, e l'Agenzia del Demanio, per il Monastero di Sant'Antonio.
Come ricordato nell'atto, l'intervento per la ristrutturazione e il restauro della Chiesa di San Paolo (di importo pari a 3.000.000 euro) è finalizzato all'esecuzione delle opere necessarie a consentire la riapertura della chiesa, simbolo del patrimonio d'arte, cultura e fede della città di Ferrara, tanto all'esercizio del culto quanto alla fruizione turistico-culturale. Mentre i lavori al Monastero di Sant'Antonio in Polesine (di importo pari a 1.300.000 euro) sono finalizzati al completamento del restauro e del risanamento conservativo del II Chiostro, per riportare l'intero Monastero Benedettino al suo aspetto originario e ampliarne l'ospitalità, per l'accoglienza di gruppi e singole persone in pellegrinaggio o in visita agli affreschi del Coro monastico di scuola Giottesca.
In base al disciplinare, il Comune di Ferrara svolgerà il ruolo di Stazione appaltante, sarà responsabile della corretta e regolare esecuzione dei lavori, e implementerà il sistema di monitoraggio degli investimenti pubblici al fine di garantire i corretti flussi informativi. Il Segretariato Generale, invece, seguirà l'attuazione e il monitoraggio procedurale e finanziario degli interventi, autorizzando i trasferimenti finanziari.

14 febbraio

Protezione civile: nuovo accordo con le associazioni di volontariato per il coordinamento delle attività sul territorio  
Sarà sempre l'Associazione Nazionale Carabinieri Alto Ferrarese (Anc) a fare da capofila delle varie associazioni di volontariato di Protezione civile del territorio per la sottoscrizione con il Comune di Ferrara, (capofila dell'associazione intercomunale Terre Estensi) della nuova convenzione, valida fino al 30 giugno 2017, per la definizione delle modalità di intervento da adottare in caso di calamità nel territorio dei tre Comuni di Ferrara, Masi Torello e Voghiera.
In base all'accordo, approvato oggi dalla Giunta, l'Anc avrà compiti di coordinamento delle attività che saranno svolte, anche in caso di emergenza, dalle diverse associazioni di volontariato di Protezione civile aderenti alla convenzione: AGESCI zona di Ferrara (Ass. Guide e Scout Cattolici); A.F.F. (Ass.ne Fuoristrada Ferrarese); A.N.P.D.I. (Ass.ne Nazionale Paracadutisti d'Italia); A.V.P.C. Ferrara (Ass.ne Volontari Protezione Civile); C.E.R.P. (Centro Emergenza Radio Paracadutisti); ESTENSE DOG; G.E.V. Ferrara (Guardie Ecologiche Volontarie); G.S.F. (Gruppo Subacqueo Ferrarese); Gruppo Salvataggio Onda Azzurra.
Fra gli interventi previsti in caso di calamità figurano l'assistenza alla popolazione e alle persone evacuate; il soccorso a persone rimaste isolate e il monitoraggio del territorio intercomunale. Le associazioni coinvolte si occuperanno inoltre di attività di informazione alla popolazione, anche con opuscoli informativi, in relazione agli scenari di rischio presenti sul territorio intercomunale; oltre che di attività di supporto logistico e operativo, con mezzi e personale, nell'ambito delle esercitazioni di protezione civile e delle attività dimostrative e di sensibilizzazione dei cittadini sui temi di protezione civile.
A supporto delle attività previste dall'accordo, l'Anc, in quanto associazione capofila, riceverà dall'associazione intercomunale Terre Estensi un contributo di 5mila euro per i primi sei mesi del 2017.

Convenzione con il Conservatorio per il recupero dell'auditorium e della Cella del Tasso
Ha l'obiettivo di definire i compiti di Comune e Conservatorio di Ferrara la nuova convenzione, ratificata oggi dalla Giunta, in relazione alla progettazione del recupero complessivo dell'Auditorium annesso al Conservatorio, con l'obiettivo finale di aprirlo al pubblico anche attraverso l'eliminazione delle barriere architettoniche per l'accessibilità ai locali sotterranei e alla cella del Tasso. La convenzione fa seguito al Protocollo d'intesa sottoscritto tra Comune, Demanio e Conservatorio il 30 giugno 2016 (v. Cronacacomune del 30 giugno 2016 ) e prevede che sia il Conservatorio, come ente appaltante dell'intervento, a occuparsi sia dell'affidamento della progettazione, a tecnici da esso stesso individuati, sia delle procedure per l'appalto e la stipula del contratto. Il Comune, attraverso i propri uffici competenti, si impegna invece a dare assistenza al Conservatorio per le procedure amministrative attinenti la partecipazione a un bando nazionale per il finanziamento dell'opera, alla stesura e stipula del contratto e ad ogni altra procedura amministrativa finalizzata all'appalto.
 


7 febbraio
Definitivamente confermata l'area pedonale in via Saraceno
Dopo la sperimentazione iniziata nel periodo natalizio, il tratto di via Saraceno tra via Scienze e via Cammello diventa definitivamente area pedonale con validità tutti i giorni dalle 0 alle 24.
L'iniziativa era stata adottata dall'Amministrazione comunale a conclusione dei lavori di riqualificazione della via, nel dicembre scorso, in risposta anche alle richieste, più volte avanzate dai commercianti della via, di incentivare il transito pedonale, in continuità con la via Mazzini. 
La misura, che ha ottenuto anche l'assenso dell'Ufficio Benessere ambientale del Comune, per quanto attiene la mobilità delle persone con limitate capacità motorie, è in linea anche con le indicazioni del Piano Aria integrato regionale che comprende fra i provvedimenti per ridurre i livelli di inquinanti nell'aria l'individuazione di nuove aree pedonali nei centri storici.

17 gennaio
Confermata l'area pedonale in via Saraceno, in attesa del provvedimento definitivo
Dopo la sperimentazione del periodo natalizio, il tratto di via Saraceno tra via Scienze e via Cammello resterà area pedonale in attesa della verifica del gradimento della misura da parte della città, per la sua eventuale trasformazione in provvedimento definitivo. La Giunta ha infatti dato il proprio assenso, con un atto di orientamento, alla prosecuzione del provvedimento sperimentale di pedonalizzazione (con validità tutti i giorni dalle 0 alle 24) attuato a conclusione dei lavori di riqualificazione della via, nel dicembre scorso. L'iniziativa era stata adottata dall'Amministrazione comunale in risposta anche alle richieste, più volte avanzate dai commercianti della via, di incentivare il transito pedonale, in continuità con la via Mazzini. 
La misura, che ha ottenuto anche l'assenso dell'Ufficio Benessere ambientale del Comune, per quanto attiene la mobilità delle persone con limitate capacità motorie, sarà sottoposta anche all'attenzione di un tavolo di confronto, in via di attivazione, con associazioni di categoria e cittadini, prima di dar corso all'adozione del provvedimento di pedonalizzazione definitivo. 

10 gennaio
Candidato a cofinanziamento ministeriale il progetto 'Poli.s' del Comune di Ferrara per la mobilità sostenibile
Comprende anche la realizzazione della ciclabile Ferrara - Ospedale di Cona il progetto 'Poli.s' (Poli sostenibili) predisposto dal Servizio Infrastrutture e Mobilità del Comune di Ferrara che sarà candidato per l'assegnazione di un cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente, nell'ambito del "Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro".
Le numerose azioni e attività inserite nella proposta progettuale sono frutto di un'elaborazione che ha visto il coinvolgimento anche dell'Agenzia Mobilità e Impianti (Ami), dell'Azienda Ospedaliera, dell'Università di Ferrara, della Società Ferrara TUA Srl, di Arpae Emilia Romagna (Sezione provinciale di Ferrara) del Politecnico di Milano e dell'Istituto Comprensivo n. 5 Dante Alighieri di Ferrara.
Oltre alla progettazione e realizzazione dell'itinerario ciclabile Ferrara - Ospedale Sant'Anna di Cona, il progetto prevede: il rilascio di buoni mobilità; la realizzazione in città di tre nuove postazioni di bike sharing (Ospedale di Cona, Bagni Ducali e centro storico giardini Cavour) e la riqualificazione di parte delle postazioni esistenti; la creazione di una "velostazione": deposito bici custodito nei pressi della stazione ferroviaria; abbonamenti agevolati per l'utilizzo del trasporto pubblico locale per i dipendenti dell'Azienda Ospedaliera oltre a contributi economici per l'acquisto di biciclette a pedalata assistita per gli spostamenti casa-lavoro; la posa presso l'ospedale di due pensiline fotovoltaiche per il ricovero e la ricarica delle bici a pedalata assistita; la promozione del car pooling attraverso l'attivazione di un software dedicato; e la promozione di Pedibus e Bicibus per gli spostamenti casa-scuola.
La spesa complessivamente preventivata per la realizzazione delle iniziative ammonta a  1.884.625, che si prevede di finanziare per la somma di un milione di euro con contributo Ministeriale e per la quota restante con risorse del Comune, indebitamento, avanzo vincolato e contributi di terzi (Ferrara Tua Srl e Azienda Ospedaliera).
La candidatura del progetto, che è stata autorizzata dalla Giunta, intende rispondere all'avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 239 del 12/10/2016 per il «finanziamento di progetti, predisposti da uno o più enti locali e riferiti a un ambito territoriale con popolazione superiore a 100.000 abitanti, diretti a incentivare iniziative di mobilità sostenibile, incluse iniziative di piedibus, di car-pooling, di car-sharing, di bike-pooling e di bike-sharing, la realizzazione di percorsi protetti per gli spostamenti, anche collettivi e guidati, tra casa e scuola, a piedi o in bicicletta, di laboratori e uscite didattiche con mezzi sostenibili, di programmi di educazione e sicurezza stradale, di riduzione del traffico, dell'inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici o delle sedi di lavoro, anche al fine di contrastare problemi derivanti dalla vita sedentaria».

 
Ultima modifica: 21-03-2017
REDAZIONE: Mappa Opere Comune di Ferrara
EMAIL: