Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Climate for Change

Agenda 21
CLIMATE FOR CHANGE - GENDER EQUALITY AND CLIMATE POLICY
CLIMA PER IL CAMBIAMENTO - UGUAGLIANZA DI GENERE E POLITICA DEL CLIMA


Il progetto mirava ad aumentare la partecipazione delle donne nei processi decisionali relativi alla protezione del clima, in particolare a livello comunale.
La forte mancanza di rappresentanza di donne negli ambiti di lavoro tecnicamente definiti (energia, traffico, edilizia) fa sì che nella protezione del clima gli aspetti e gli effetti legati al "genere" non vengano presi in considerazione, pertanto si è ritenuto necessario operare affinché le donne potessero avere un ruolo determinante al pari degli uomini.

Il network "Alleanza per il Clima" (alleanza di circa 1100 città europee che, con l'adesione, prendono l'impegno di realizzare determinate misure per la protezione del clima e di lavorare per certi obiettivi) è stato il coordinatore del progetto. Le città partner sono state: Berlino, Dresden, Ferrara, Francoforte sul Meno, Genova, Lahti, Malmö, Monaco di Baviera, Napoli e Venezia. "Alleanza per il Clima Italia" e "Union of Baltic Cities" hanno svolto il ruolo di coordinatori nazionali e Life e.V. / FrauenUmweltNetz quello di consulente.

Per raggiungere lo scopo principale (partecipazione equilibrata di donne e uomini nei processi decisionali legati al clima), sono stati individuati i seguenti obiettivi specifici: analizzare lo stato attuale delle condizioni di partecipazione delle donne alle decisioni formali e informali nell’ambito della protezione del clima; elaborare metodi e strumenti per il miglioramento della situazione e per diffondere, in un approccio comparativo tra le condizioni e le esperienze nei vari paesi europei, questi metodi e strumenti; sensibilizzare persone chiave nell’ambito della protezione del clima a livello comunale per favorire una partecipazione equilibrata di donne e uomini; iniziare processi di dibattito e mettere a disposizione materiali di sostegno e risorse informative.

Il progetto ha analizzato in alcuni comuni in più paesi, tra cui quello di Ferrara, le strutture che favoriscono o impediscono la partecipazione equa delle donne alle decisioni sulla protezione del clima. Per fare questo, il primo passo è stato il rilevamento di dati relativi alle posizioni in cui ci sono donne attive nella protezione del clima, e l'integrazione e la valutazione di questi con i dati medi dei comuni nei singoli paesi, al fine di far emergere le condizioni di base che impediscono o favoriscono una partecipazione equa.

Poiché questo progetto è partito dall'idea che la scarsa presenza di donne nel settore della salvaguardia del clima ha anche a che vedere con il fatto che le capacità richieste sono spesso di tipo tecnico, è stato parte integrante del progetto chiarire se le misure di protezione del clima a livello comunale hanno solamente questo tipo di orientamento o se non si basano invece anche sull’educazione e sull’informazione.

Questo lavoro si è svolto innanzitutto in workshop nazionali ove sono stati trattati temi quali il gender mainstreaming nel settore della protezione del clima, le possibili differenze di esigenze e di coinvolgimento per quanto riguarda le misure di protezione del clima, la comunicazione mirata secondo target groups.
In parallelo agli studi e ai workshop nazionali, sono stati ricercati e raccolti esempi positivi, presentando istituzioni ed organizzazioni attive nella protezione del clima che cercano già da tempo una partecipazione adeguata di donne ai processi decisionali ed evidenziando i mezzi utilizzati per raggiungere quest’obiettivo. Le buone pratiche sono poi state esaminate allo scopo di valutare la trasferibilità dei casi positivi. I prodotti di questa fase di lavoro sono stati: l’ulteriore sviluppo degli strumenti esistenti e di strategie comuni per applicarli in modo ottimale (adattamento alle condizioni specifiche dei vari paesi), e la divulgazione di questi risultati sotto forma di un tool kit.
Queste attività sono state accompagnate da un forum di dibattito in Internet (via mailing list), luogo virtuale di discussione sui risultati delle ricerche e sugli aspetti di genere nella protezione del clima.

I risultati delle ricerche, la compilazione degli esempi positivi e il tool kit sono pubblicati sul sito internet del progetto
Ultima modifica: 11-02-2010
REDAZIONE: Centro Idea
EMAIL: e.martinelli@comune.fe.it