Sommario sezioni

salta il link home e i social network e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu delle sezioni principali
salta i contenuti principali a vai al menu

Consigli utili

zanzara tigrePer attuare una lotta efficace contro la Zanzara Tigre, è necessario tener presente che:
  • è un insetto tipicamente urbano, adattato alle condizioni climatiche tipiche delle nostre zone;
  • la zanzara depone le uova principalmente nelle caditoie stradali, nei canali a lento deflusso con acque stagnanti, fossi, scoline, sottovasi, negli annaffiatoi utilizzati in orti e giardini, nei tombini di raccolta delle acque piovane, nei copertoni di veicoli stradali abbandonati e qualsiasi altro contenitore che raccolga un velo d'acqua;
  • le uova, in condizioni climatiche favorevoli, se sommerse dall'acqua possono dare origine allo sviluppo delle larve anche in pochi giorni;
  • la presenza di erbacce, sterpaglie e rifiuti favoriscono l'insediamento dell'insetto adulto;
  • la zanzara tigre è particolarmente aggressiva e punge durante le ore diurne, quindi provoca notevole disagio alla popolazione.
Risulta quindi indispensabile attuare un'azione preventiva che interessi anche il singolo cittadino attraverso campagne informative di coinvolgimento di tutte le fasce della popolazione.

I cittadini possono efficacemente contribuire alla lotta cercando di:
  • evitare l'abbandono di materiali in cumuli all'aperto che possono raccogliere l'acqua piovana;
  • eliminare l'acqua dai sottovasi, dagli annaffiatoi, dai bidoni, dai copertoni;
  • innaffiare direttamente con le pompe gli orti e i giardini, senza mantenere riserve di acqua a cielo aperto;
  • se necessario l'uso di recipienti per la raccolta dell'acqua, cercare di tenerli coperti con teli impermeabili ben fissati;
  • pulire e trattare bene i vasi prima di ritirarli all'interno durante i periodi freddi. L'abitudine di portare le piante al riparo dai freddi invernali, infatti, è probabilmente una delle cause che generano, all'arrivo della primavera quando le temperature salgono e le piante vengono nuovamente esposte e innaffiate, la schiusa delle uova invernali facilitando notevolmente la diffusione della zanzara stessa nell'ambiente;
  • introdurre pesci rossi, grandi predatori delle larve di zanzara, nelle vasche e nelle fontane dei giardini;
  • trattare i tombini, e tutti i recipienti posti all'esterno dove si raccoglie acqua piovana, ogni 5-7 giorni con prodotti larvicidi specifici che si acquistano in farmacia ( Bacillus thuringiensis israeliensis)
  • mantenere i cortili, tutte le aree scoperte di proprietà, opportunamente recintate per evitare lo scarico immondizie.

Si avverte che l'art. 15 dal titolo "Lotta agli insetti nocivi e molesti, disinfestazione e derattizzazione" del Regolamento d'Igiene e Sanità Pubblica Comunale in vigore, punisce con sanzioni amministrative ogni violazione alle prescrizioni già previste nel predetto articolo.
Ultima modifica: 03-06-2008
REDAZIONE: Servizio salute e politiche socio sanitarie - Rapporti con A.S.P.
EMAIL: r.cassoli@comune.fe.it